Dell’essere e dell’apparire

Editoriale di Franziska Schwarz, Vicedirettrice UFAM

Franziska Schwarz, vicedirettrice dell’UFAM
Franziska Schwarz, vicedirettrice dell’UFAM

Prati verdi, placide mucche al pascolo, campi di grano dai riflessi dorati, belle fattorie fiorite con stalle linde e ben curate: la Svizzera è ricca di paesaggi magnifici e i turisti non sono i soli a rendersene conto. A piedi o in treno, anche noi che ci abitiamo non possiamo fare a meno di ammirarli. Il merito di tanta bellezza va in larga parte alle famiglie contadine, le stesse che entrando nelle nostre case attraverso le immagini bucoliche della pubblicità ci rendono talvolta difficile vedere l’agricoltura anche nei suoi aspetti più critici. Questo numero di ambiente tenta di fare entrambe le cose: apprezzare al loro giusto valore gli approcci innovativi, senza sottovalutare le conseguenze di una produzione troppo intensiva.

L’agricoltura svizzera dà in effetti non poco da pensare all’UFAM. Nessun altro settore sfrutta in modo così diffuso le risorse naturali – suolo, acqua, aria, biodiversità, clima, paesaggio – in Svizzera come all’estero. E nessuno le influenza in modo così sottile. Alcuni di questi processi sfuggono alla nostra percezione e quindi alla nostra consapevolezza: i nostri occhi non vedono la cappa di ammoniaca che eutrofizza i boschi e i biotopi, né i concimi e i prodotti fitosanitari che nuocciono alla vita nelle acque e sulle terre emerse. Non si accorgono neppure della perdita di funzionalità subita da alcuni suoli a causa del compattamento dovuto al passaggio di macchinari pesanti.

La nostra maggiore fonte di sicurezza alimentare viene dalla natura e il miglior modo per garantirla è far sì che l’agricoltura svizzera non danneggi le risorse naturali, ciò che purtroppo è oggi ancora lungi dall’essere il caso. Con la sua Politica agricola 2014-2017, il Consiglio federale ha pertanto ulteriormente rafforzato le riforme avviate negli anni Novanta nell’intento di perseguire un’agricoltura rispettosa dei limiti degli ecosistemi.

Il presente numero di ambiente tocca diversi argomenti scottanti, guardando a questa complessa tematica da diverse angolazioni. In alcuni articoli, esperti del settore collocano l’agricoltura nel suo contesto storico, economico ed ecologico spiegando quello che si dovrebbe – o non si dovrebbe – produrre e dar da mangiare agli animali da reddito svizzeri. In altri si descrivono gli impatti che una produzione intensiva ha sull’ambiente, ma anche l’impegno di cui fanno prova molti contadini e contadine innovativi per adattarsi a un quadro dalle condizioni in perenne mutamento. In altri ancora, infine, si mostrano le nuove vie che la ricerca apre alla protezione dell’ambiente e le capacità che i grandi distributori hanno di influenzare non solo la produzione ma anche la nostra domanda di generi alimentari.

A me non resta dunque che augurare a tutti una piacevole lettura!

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 24.08.2016

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/aimentazione-alloggio-mobilita/dossier/ernaerung-dossiers/webzine-ambiente-agricoltura-alimentazioni/dell_essere-e-dellapparire.html