Mobilità e ambiente: Misure

L’UFAM ha il mandato legale di esaminare l’impatto del traffico sull’ambiente, di proporre soluzioni per limitarlo e, per quanto concerne i propri ambiti di competenza, di adottarle. In questo contesto, l’UFAM si occupa del traffico essenzialmente nell’ambito della lotta contro il rumore, della protezione dell’aria, del clima, del paesaggio e della biodiversità.

L'UFAM si occupa degli aspetti ambientali che concernono la mobilità; delle questioni legate alla mobilità sono responsabili altri uffici.


Rumore

Misure contro il rumore stradale

Il rumore stradale può essere ridotto alla fonte soprattutto con la posa di pavimentazioni stradali fonoassorbenti, l’impiego di pneumatici silenziosi, limitazioni della velocità e uno stile di guida appropriato. Se queste misure fossero applicate sull’intero territorio, la maggior parte della popolazione potrebbe essere protetta dal rumore dannoso o molesto prodotto dalle strade.

Misure contro il rumore del traffico ferroviario

Fino al 2015, la Confederazione metterà a disposizione circa 1,5 miliardi di franchi per il risanamento fonico delle ferrovie svizzere. Entro il 2025 la popolazione sarà protetta in modo ancora più efficace dal rumore dei treni grazie al divieto dei carri merci rumorosi a partire dal 2020, a provvedimenti sulla strada ferrata nonché alla promozione della ricerca e degli investimenti. L’obiettivo è di proteggere l’80 per cento della popolazione dal rumore dannoso o molesto del traffico ferroviario.

Misure contro il rumore aereo

Il rumore del traffico aereo si diffonde naturalmente su ampie superfici. Non potendo intervenire sulla via di propagazione, occorre lottare contro il rumore alla fonte. Negli ultimi decenni gli sviluppi tecnici hanno consentito di costruire velivoli che generano meno rumore. L’introduzione di tasse d’atterraggio e di decollo commisurate al rumore ha accelerato il rinnovo delle flotte e l’impiego di velivoli più silenziosi.

Aria

Misure di protezione dell’aria nel traffico stradale

Per ridurre le emissioni di inquinanti del traffico stradale, la Confederazione adegua progressivamente allo stato della tecnica le prescrizioni sui gas di scarico e sulla qualità dei carburanti. Anche la promozione dei trasporti pubblici e del traffico lento, il trasferimento del traffico merci dalla strada alla rotaia e la pianificazione del traffico contribuiscono al miglioramento della qualità dell’aria. Nuovi motori e nuove tecnologie consentono di prevenire le emissioni.

Protezione dell’aria nel traffico ferroviario, navale e aereo

La Confederazione adotta diverse misure per limitare le emissioni nocive di inquinanti atmosferici dovute al traffico ferroviario, navale e aereo. Fra queste si annoverano le prescrizioni sui gas di scarico per locomotive, natanti e aerei nonché incentivi finanziari, come le tasse di atterraggio commisurate alle emissioni.

Monitoraggio delle misure di accompagnamento MMA-A

Il progetto Monitoraggio delle misure di accompagnamento MMA-A ha lo scopo di attuare le leggi che disciplinano il trasferimento su rotaia del traffico e di verificare l'efficacia delle misure di accompagnamento nei settori strada e rotaia.

Clima

Prescrizioni sulle emissioni di CO2 dei veicoli

Analogamente all’Unione europea, in Svizzera vigono prescrizioni sulle emissioni di CO2 per i veicoli nuovi: dal 2015 la flotta di veicoli nuovi deve ridurre le proprie emissioni in media a 130 g di CO2 per km. Dal 2020, per le automobili si applicherà un valore obiettivo pari a 95 grammi CO2 per km. Inoltre saranno introdotte prescrizioni sulle emissioni di CO2 per furgoni e trattori a sella leggeri, che dovranno rispettare un valore obiettivo medio di 147 g di CO2 per km.

Compensazione delle emissioni di CO2: carburanti

Gli importatori di carburanti fossili devono compensare entro il 2020 il 10 per cento delle emissioni di CO2 provenienti dal traffico nazionale. Essi possono attuare progetti propri oppure acquistare attestati.

Biodiversità

Passaggi faunistici

I corridoi faunistici pregiudicati o interrotti sono numerosi. I passaggi faunistici devono aiutare a rivalutare i corridoi interrotti. La Confederazione ha elaborato insieme a partner cantonali e nazionali direttive e strategie.

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 30.11.2018

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/aimentazione-alloggio-mobilita/mobilita/misure.html