Revisione parziale della legge sulla caccia: il Consiglio federale avvia la consultazione

Berna, 24.08.2016 - Il 24 agosto 2016 il Consiglio federale ha avviato la consultazione sulla revisione parziale della legge sulla caccia. In futuro, determinate specie protette che generano conflitti potranno essere regolate se, nonostante le misure di prevenzione, provocano danni ingenti o rappresentano un pericolo concreto per l’uomo. La consultazione si concluderà il 30 novembre 2016.

La mozione Engler «Convivenza tra lupi e comunità montane» (14.3151), accolta nel 2015 dal Parlamento, chiedeva una revisione della legge sulla caccia al fine di consentire la regolazione delle popolazioni di lupi nel quadro della Convenzione di Berna. In adempimento di tale mozione, gli interventi regolatori saranno in futuro possibili non solo sulle popolazioni di lupi ma anche su quelle di altre specie protette che generano conflitti se, nonostante l’adozione di misure di prevenzione esigibili, provocano danni ingenti o rappresentano un pericolo concreto per l’uomo.

Chiarimenti concernenti l’autorizzazione e l’esame di caccia

Nella legge modificata sarà inoltre chiarito il rapporto tra autorizzazione ed esame di caccia. L’autorizzazione di caccia consente di esercitare la caccia in un Cantone; il suo rilascio rimarrà di competenza dei Cantoni. In tutti i Cantoni, uno dei requisiti per l’ottenimento dell’autorizzazione è il superamento di un esame di caccia. Nell’ambito di detto esame, la Confederazione imporrà in futuro la verifica delle seguenti materie: protezione delle specie e degli spazi vitali, protezione degli animali nonché manipolazione delle armi, compresa la precisione di tiro. Questi esami di caccia uniformati a livello nazionale in termini di contenuto saranno in futuro riconosciuti reciprocamente dai Cantoni.

Adeguamento delle specie cacciabili e dei periodi di protezione

Infine saranno trasposte nella legge e completate le disposizioni sulle specie cacciabili e i relativi periodi di protezione modificate con la revisione del 2012 dell’ordinanza sulla caccia: la moretta tabaccata, la pernice grigia e lo svasso maggiore saranno protetti a norma di legge, il corvo comune sarà inserito tra le specie cacciabili, i periodi di protezione del cinghiale e del cormorano saranno accorciati e sarà garantito un periodo di protezione per tutte le specie indigene. Inoltre è prevista una nuova regolamentazione della gestione delle specie animali non indigene. A titolo d’esempio, conformemente alla Strategia della Svizzera per le specie esotiche invasive approvata il 18 maggio 2016 dal Consiglio federale, il daino, il cervo sika e il muflone, che finora beneficiavano di un periodo di protezione, potranno essere cacciati tutto l’anno.

Il 24 agosto 2016 il Consiglio federale ha avviato la consultazione sulla revisione della legge sulla caccia, che si concluderà il 30 novembre 2016.


Indirizzo cui rivolgere domande

Reinhard Schnidrig, responsabile della sezione Fauna selvatica e biodiversità forestale, Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), tel. +41 58 462 90 00



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/biodiversita/comunicati.msg-id-63316.html