Attività della Svizzera

La Svizzera intende aumentare il proprio impegno nel campo della diversità biologica per garantire un'efficace applicazione delle convenzioni rilevanti dal punto di vista della biodiversità. A questo scopo occorre rafforzare le sinergie e seguire un approccio più coerente nell’applicazione della CBD, dei relativi strumenti internazionali e del meccanismo di finanziamento.

  • La biodiversità è interconnessa a livello internazionale ed è un bene globale che non può essere protetto e promosso da un solo Paese. La Svizzera si impegna quindi a rispettare le regole internazionali per la protezione e l’uso sostenibile della biodiversità. Partecipa attivamente ai vari processi internazionali rilevanti per la biodiversità, come la Convenzione sulla diversità biologica (CBD), la Convenzione di Bonn sulla conservazione delle specie migratrici della fauna selvatica (CMS), la Convenzione di Ramsar sulle zone umide, la Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione (CITES) e la Convenzione di Berna per la conservazione della vita selvatica e dei suoi biotopi in Europa (cfr. anche Convenzioni internazionali).
  • La Svizzera appoggia la Piattaforma scientifica intergovernativa sulla biodiversità e i servizi ecosistemici IPBES fondata nel 2012. IPBES funge da anello di congiunzione tra scienza e politica e informa i decisori politici e gli organismi internazionali sulle condizioni e l’evoluzione della biodiversità, compresi gli interventi necessari alla sua tutela. Dal 2015, la Technical Support Unit (TSU) per la valutazione regionale della biodiversità e dei servizi degli ecosistemi per l’Europa e l’Asia centrale ha sede presso l’Università di Berna e beneficia del sostegno finanziario della Confederazione. La Svizzera è dell’avviso che nell’ambito di IPBES debbano essere stabiliti degli indicatori che consentano di misurare il raggiungimento degli obiettivi globali per il 2020.
  • I rapporti dell’IPBES costituiranno la base scientifica per il negoziato di un nuovo quadro globale per la biodiversità per il periodo post-2020.
  • La Svizzera sostiene le attività che permettono di prendere meglio in considerazione la biodiversità in progetti infrastrutturali nei Paesi in via di sviluppo e si impegna in organismi e fondi multilaterali, in particolare nel GEF, affinché siano stanziati fondi sufficienti per la protezione della diversità biologica.
  • La Svizzera promuove l’applicazione a livello nazionale del Piano strategico globale per la biodiversità 2011-2020 da parte di tutti gli attori rilevanti, inclusa l’attuazione del Protocollo di Nagoya. Allo stesso tempo, la Svizzera partecipa attivamente ai negoziati per un nuovo quadro globale per la biodiversità, che sarà adottato nel 2021 e sostituirà il Piano strategico globale in scadenza. Nei negoziati, la Svizzera sostiene, tra l’altro, i seguenti obiettivi: in primo luogo, un quadro chiaro e conciso con obiettivi e indicatori misurabili che affrontino le cause globali più importanti della perdita di biodiversità. In secondo luogo, un quadro che si applica all’intero regime internazionale della biodiversità e rafforza e sfrutta le sinergie tra le diverse convenzioni e i vari processi. In terzo luogo, un meccanismo di attuazione efficace che permetta di valutare il successo delle misure di attuazione e di trarne degli insegnamenti.

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 30.04.2021

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/biodiversita/info-specialisti/biodiversita--affari-internazionali/attivita-della-svizzera.html