Biodiversità nei label e negli ecobilanci

Label e standard offrono ai consumatori un aiuto importante nel decidere quali prodotti acquistare. Nei confronti delle imprese fungono da orientamento per l’uso sostenibile delle risorse naturali. La Confederazione intende rafforzare i criteri relativi alla biodiversità negli standard di sostenibilità e creare i presupposti per una loro maggiore considerazione negli ecobilanci.

Soja
I criteri della biodiversità sono fondamentali per gli standard di sostenibilità – come ad esempio per la certificazione delle piantagioni di soia.
© iStock

Come fanno i consumatori, ma anche i responsabili degli acquisti pubblici, a sapere qual è l’impatto di una decisione d’acquisto sulla biodiversità? E come possono le imprese contribuire a far sì che la loro produzione non gravi ulteriormente sulla biodiversità?

Label e analisi del ciclo di vita possono aiutare a migliorare la trasparenza in tal senso – con l’obiettivo di assicurare che nella produzione, nel commercio e nella vendita dei prodotti si tenga maggiormente conto della biodiversità.

In una misura del piano d’azione Strategia Biodiversità Svizzera l’UFAM definisce i principi fondamentali con cui integrare più efficacemente i criteri relativi alla biodiversità negli standard relativi a vari ambiti tematici. La misura, inoltre, crea una base migliore per gli ecobilanci (Life Cycle Assessments), aiutando a valutare meglio l’impatto dei prodotti sulla biodiversità – dalla produzione all’utilizzo, fino al loro smaltimento.

Obiettivi

La misura si suddivide in due misure parziali, «Biodiversità in label e standard» e «Biodiversità ed ecobilanci», che perseguono i seguenti obiettivi generali:

  • Definire vari approcci con cui mettere in luce come poter promuovere i criteri relativi alla biodiversità negli standard di sostenibilità in materia di alimentazione, tessuti, beni di consumo, edifici residenziali e immobili, energia, infrastrutture e servizi finanziari.
  • Condurre un’analisi con cui verificare se gli standard di ProTerra e RTRS (Round Table on Responsible Soy) contribuiscono a una coltivazione più sostenibile della soia nel Cerrado brasiliano.
  • Finanziare l’aggiornamento e il perfezionamento metodologico dei fattori ecologici nel campo della biodiversità.

Risultati (stato 2022)

  • Un’analisi dell’efficacia fa luce sulle importazioni di soia (conclusa).
  • Uno studio evidenzia i criteri relativi alla biodiversità negli standard di sostenibilità (concluso).
  • L’aggiornamento (e il perfezionamento metodologico) dei fattori ecologici relativi alla biodiversità nel metodo della scarsità ecologica è terminato (concluso).

Titolo del progetto

4.2.6 Completamento degli standard in materia di sostenibilità con aspetti della biodiversità

Durata

In corso, termine previsto 2022

Partecipanti al progetto

·  Istituto di ricerca per l’agricoltura biologica (FiBL)

·  Università di scienze applicate di Berna (BFH)

·  Scuola universitaria superiore delle scienze agrarie, forestali e alimentari (HAFL)

·  Ecos AG

·  Sustainable Food Systems GmbH (SFS)

 

Contatto

Nicolas Schmidt, tel.: +41 58 485 00 51 

Contatto
Ultima modifica 10.08.2022

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/biodiversita/info-specialisti/biodiversitaetspolitik/strategia-e-piano-dazione-biodiversita/aktuelle_projekte/nachhaltigkeitsstandards.html