Utilizzo rispettoso della biodiversità dei terreni della Confederazione

La Confederazione è il principale proprietario fondiario della Svizzera. I valori naturalistici delle sue aree devono essere salvaguardati e promossi.

La Confederazione è, in maniera diretta o tramite partecipazioni, proprietaria di molti terreni, costruzioni e impianti. Quale tenutaria in particolare dei fondi del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS), come pure delle strade nazionali e delle scarpate, la Confederazione è addirittura il principale proprietario fondiario della Svizzera.

I terreni del DDPS sono particolarmente pregiati dal punto di vista ecologico, perché sono gestiti con forme di uso estensivo, sono situati in zone discoste e, a causa dell’impiego a scopo militare, vengono tutelati da altri interessi di utilizzo (ad es. edificazione). Il DDPS è particolarmente impegnato a salvaguardare e promuovere i valori naturalistici. In vista dell’ulteriore sviluppo dell’esercito (WEA) numerosi siti utilizzati a scopi militari saranno dismessi e potranno essere messi a disposizione per usi civili.

Numerose aree sono molto pregiate dal punto di vista ecologico poiché integrano diversi biotopi e oggetti protetti d’importanza nazionale e habitat per specie prioritarie a livello nazionale. Queste aree sono molto importanti per la conservazione e la promozione della biodiversità in Svizzera, in particolare per il mantenimento e il potenziamento dell’infrastruttura ecologica. Ai sensi della Strategia Biodiversità Svizzera, queste superfici devono essere mantenute e utilizzate in modo sostenibile oppure valorizzate per la biodiversità.

Per la salvaguardia delle superfici rilevanti per la biodiversità, il DDPS è un partner chiave dell’UFAM.

Contatto
Ultima modifica 06.01.2020

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/biodiversita/info-specialisti/misure-per-conservare-e-promuovere-la-biodiversita/utilizzo-sostenibile-della-biodiversita/utilizzo-di-fondi-della-confederazione-nel-rispetto-della-biodiv.html