Newsletter del 22 dicembre 2020


1  Merci – Grazie – Danke – Grazia 

Ringraziamo i nostri lettori per l’interesse e la collaborazione. Senza questa collaborazione, il piano d’azione Legno non potrebbe esistere. Le domande possono essere sovvenzionate dal PA Legno fino al 50 per cento. Il rimanente 50 per cento richiede un grande impegno da parte dei richiedenti. Anche per la quarta fase si applicano le condizioni generali relative al sovvenzionamento.

Siamo convinti che il legno sia una materia prima orientata al futuro, prodotta nelle più elevate condizioni ecologiche e con le migliori proprietà tecniche che lo posizionano molto bene rispetto ad altri materiali. Il legno costituisce una delle soluzioni per allontanare l’economia dalle materie prime fossili.

L’ultima riunione si è tenuta il 19 novembre 2020 via Skype.

 
 
 
Aktionsplan Holz - Programmsteuerung & Begleitausschuss
Presenti però senza immagine: Andreas Keel, Urs Luginbühl, Jean Rosset

2  Politica della risorsa Legno 2030

La politica della risorsa Legno 2030 è un programma d’azione indipendente che sostiene sia gli obiettivi della politica forestale, climatica ed energetica, sia quelli di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals, SDG). Si iscrive nel contesto globale di varie megatendenze e contribuisce a diverse politiche settoriali della Confederazione.

L’UFAM, l’ufficio responsabile, si avvale della collaborazione di altri uffici federali, del settore forestale, del legno e dell’energia da legno, nonché dei Cantoni e di altri attori che promuovono l’utilizzo del legno svizzero. La politica della risorsa Legno è ora di competenza di sette uffici federali e tre dipartimenti. Agli uffici finora coinvolti, Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), Ufficio federale dell’energia (UFE) e Segreteria di Stato dell’economia (Seco), si sono aggiunti l’Ufficio federale dell’agricoltura (UFAG), l’Ufficio federale delle abitazioni (UFAB), l’Ufficio federale della cultura (UFC) e l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE).

La politica della risorsa Legno 2030 persegue tre obiettivi:

  1. L’uso del legno e dei prodotti in legno svizzeri aumenta.
  2. Il legno e i prodotti in legno provenienti dalla Svizzera sono forniti, trasformati e utilizzati in modo sostenibile e in linea con la domanda lungo tutta la filiera.
  3. La forza innovativa garantisce la competitività delle industrie forestali, del legno e dell’energia da legno.

Il piano d’azione Legno resta lo strumento di attuazione più importante della politica della risorsa Legno.


3  Piano d’azione Legno 2017-2020

Negli ultimi quattro anni, il piano d’azione Legno ha sostenuto 160 progetti molto eterogenei. Sono state realizzate importanti basi che vanno dalla protezione antincendio, all’utilizzo del legno di latifoglie, all’industria 4.0 fino alla sensibilizzazione dei committenti istituzionali. Circa la metà dei progetti si è concentrata sulla ricerca applicata e lo sviluppo fino all’omologazione per il mercato. L’altra metà dei progetti, e di riflesso degli aiuti finanziari, era costituita da progetti di comunicazione a sostegno del posizionamento sul mercato del legno. Poiché non sono ancora stati pubblicati o ricevuti tutti i rapporti finali, effettueremo la retrospettiva nel 2021.

Di seguito sono rappresentati i membri del comitato d’accompagnamento, del comitato direttivo e della direzione del programma all’inizio dell’ultima fase. Ci sono stati molti cambiamenti.

Begleitausschuss und Programmausschuss Aktionsplan Holz
Da sinistra a destra: Markus Brunner, Daniel Ingold, Jean-François Métraux, Hansruedi Streiff, Claire-Lise Suter, Alfred Kammerhofer, Daniel Zürcher, Ulrike Krafft, Christoph Starck, Hans Rupli, Thomas Göttin, Andreas Keel, Daniel Furrer, Rolf Manser

4  Piano d’azione Legno 2021-2026

Per i prossimi sei anni il piano d’azione Legno avrà nuovamente a disposizione circa 4 milioni di franchi all’anno. Il piano d’azione Legno ha ora due punti chiave: il valore aggiunto del legno svizzero e l’edilizia rispettosa del clima. Inoltre, include due temi trasversali: l’innovazione e la comunicazione. L’UFAM può sostenere progetti tecnici e progetti di comunicazione su questi punti salienti.

 
Punti chiave Piano d’azione Legno 2021-2026

Il piano d’azione Legno è organizzato come segue:

Organizzazione piano d'azione legno 2021-2026

Da subito, le scadenze per la presentazione delle domande sono due: il 31 marzo e il 30 giugno. Un gruppo di esperti indipendenti valuta le candidature insieme alla direzione del programma. Due mesi dopo aver ricevuto la domanda, il comitato direttivo decide in merito.

Gli argomenti strategici vengono discussi una volta all’anno insieme al comitato d’accompagnamento. Si ricercano sinergie con le organizzazioni associate rappresentate.


5 Fatti e parole 

30.09.2020    Avvio di Swiss Timber Box® (STB), pallet-box di legno svizzero www.holz-bois.ch

30.09.2020    Nuova pubblicazione nella collana Lignum «Lignatec»: «Brettsperrholz aus Schweizer Produktion». Può essere ordinata su www.lignum.ch

01.12.2020 - 31.03.2021    Termine di presentazione dei progetti per il Prix Lignum www.prixlignum.ch  

14.01.2021 - 20.08.2021    Protezione antincendio, formazione destinata agli architetti www.bfh.ch/ahb/de/holz/weiterbildung

31.01.2021 Primo termine di presentazione delle domande nell’ambito del Sostegno alla ricerca sulle foreste e il legno in Svizzera

31.03.2021 Primo termine di presentazione delle domande nell’ambito del piano d’azione Legno  

30.06.2021 Secondo termine di presentazione delle domande nell’ambito del piano d’azione Legno 

31.07.2021 Secondo termine di presentazione delle domande nell’ambito del Sostegno alla ricerca sulle foreste e il legno in Svizzera

 
 

Contatto
Ultima modifica 22.12.2020

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/bosco/info-specialisti/strategie-e-misure-della-confederazione/piano-d_azione-legno/newsletter/newsletter-22-dicembre-2020.html