1a newsletter Foresta 2019 (4 aprile 2019)

Michael Reinhard

Editoriale di Michael Reinhard

Care lettrici, cari lettori,

non so come abbiate cominciato l’anno, ma personalmente non ho l’impressione di aver visto passare l’inverno. E non perché il tempo non passi in fretta, senz’altro lo fa, ma perché il mese di febbraio è stato particolarmente caldo e secco. A segnare i nostri tempi sembrano essere ben più gli scherzi che non i capricci della meteo. Questa situazione, certamente di tipo meteorologico, ci ricorda tuttavia la questione dei cambiamenti climatici e quanto sia essenziale adattare i nostri boschi a questa problematica. Grazie ai risultati del programma di ricerca «Bosco e cambiamenti climatici» conosciamo meglio quale impatto avranno gli scherzi della meteo sui nostri boschi e come possiamo farvi fronte.

In generale, il bosco resta sotto pressione. Non solo le emissioni di azoto continuano a essere molto elevate, con conseguenze sulla vitalità degli alberi, ma i pericoli biotici importati possono creare gravi danni. La buona notizia è che gli organismi di quarantena possono essere eradicati, soprattutto se si impiegano i giusti mezzi. A Marly (FR) è stato eradicato il terzo focolaio del tarlo asiatico del fusto in Svizzera e le misure fitosanitarie sono state abrogate. I dati sullo stato generale del bosco si trovano, come anche altre informazioni, nell’annuario sul bosco e il legno 2018.

Il tema della giornata internazionale del bosco del 21 marzo scorso era quello di sensibilizzare e motivare i più giovani attraverso l’istruzione all’interno del bosco. La Confederazione e il Cantone di Berna hanno organizzato un evento congiunto, ma anche molti altri Cantoni hanno intrapreso iniziative o coperto l’evento sui media. Sensibilizzare i giovani all’ambiente forestale e alla gamma di prestazioni da esso offerte purché sia gestito opportunamente è un’azione essenziale perché i bambini di oggi saranno i decisori di domani.

Care lettrici e cari lettori, vi auguro una buona primavera. Approfittate delle belle giornate in arrivo, ma con la dovuta prudenza: fino al germogliamento delle foglie il pericolo di incendio nei luoghi esposti resta elevato.

Michael Reinhard
Capo della divisione Foreste, Ufficio federale dell’ambiente



Giornata internazionale del bosco 2019: gli allievi alla scoperta del bosco

Kinder entdecken den Wald
Medienevent zum ITW im Bremgartenwald

La Giornata internazionale del bosco 2019 sarà all’insegna della formazione: gli allievi andranno di persona, e non in modo virtuale, alla scoperta del bosco. In tal modo, la loro comprensione per questo spazio vitale variegato sarà stimolata, contribuendo al contempo allo sviluppo sostenibile. In proposito, l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) e il Canton Berna informano su un evento congiunto che si svolgerà nel bosco di Bremgarten (BE).


Aggiornamenti dal settore della protezione del bosco

Il Cantone di Friburgo ha debellato il tarlo asiatico del fusto sul suo territorio! Dal 27 febbraio 2019 anche l’infestazione di Marly è ufficialmente eradicata. Il trattamento è costato circa 2,4 milioni di franchi e la Confederazione ha partecipato ai costi con circa 900 000 CHF. Si è così riusciti a disinfestare in poco tempo tre delle quattro infestazioni in campo aperto. La quarta infestazione a Berikon è ancora sotto osservazione e nel 2018 non è stata constatata alcuna attività.

29.02.2019 - Il Cantone di Friburgo ha debellato il tarlo asiatico del fusto sul suo territorio (in tedesco e francese)

La consultazione indetta dal SFF sull’ordinanza interdipartimentale sulla salute dei vegetali è in corso dal 18.3. fino al 24.5. Contiene disposizioni tecniche come pure liste con le merci e gli organismi nocivi regolamentati ed è stata elaborata nel quadro della revisione totale del diritto sulla salute dei vegetali. Ulteriori informazioni sono disponibili su:

www.salute-dei-vegetali.ch  

Secondo Waldschutz aktuell 1/19 del WSL, nell’ultimo anno le infestazioni da bostrico sono raddoppiate rispetto al 2017. Molti alberi erano indeboliti a causa di temporali e siccità e il bostrico ha aggredito gli abeti. La situazione probabilmente non migliorerà nemmeno nel 2019. Il WSL raccomanda di abbattere e rimuovere dal bosco o scortecciare tempestivamente i nuovi abeti infestati, ossia prima che la generazione successiva di bostrico sfarfalli.

All’inizio dell’anno l’UFAM ha partecipato a una prima tavola rotonda con i Cantoni e il settore, con cui ha discusso le sfide future e la gestione dei danni al bosco. Lo scambio di informazioni continuerà anche nei prossimi mesi.


Giornata del legno svizzero 2019: retrospettiva e prospettive

Tage des Schweizer Holzes

Il 22 febbraio 2019 a Lyss si è svolto l’evento di chiusura della Giornata del legno svizzero 2019. In occasione della manifestazione non si è solo rivolto uno sguardo al passato del legno svizzero, ma in particolare ci si è concentrati su una visione d’insieme riguardante il marketing del legno svizzero, per chiederci se e come è possibile continuare a utilizzare le strutture già esistenti (cluster). L’evento ha registrato una buona affluenza da parte dei responsabili dei cluster e del comitato organizzativo. Nel contempo vi è stata occasione di conoscere la nuova direttrice del marketing del legno svizzero Martina Neumüller-Kast. Soprattutto gli svizzeri romandi apprezzano particolarmente lo scambio nazionale e si profila un futuro di maggiore collaborazione all’interno del settore, che avrà più visibilità anche all’esterno.      


Fondo per il promovimento della ricerca sulle foreste e sul legname della Confederazione e dei Cantoni

Il 25.08.2017 il Controllo federale delle finanze ha comunicato che il Fondo per il promovimento della ricerca sulle foreste e sul legname non è sufficientemente legittimato sul piano legale. Entro l’inizio del 2020 il fondo sarà operativo con una nuova struttura. Parallelamente alla sua ristrutturazione si sono verificati tre cambiamenti a livello di personale. Manuela Weichelt-Picard (ZG), che nel fondo rappresentava la Conferenza per la foresta, la fauna e il paesaggio (CFP), sarà sostituita da Dimitri Moretti (UR). Michael Reinhard è ora il presidente del gruppo di esperti e ha preso il posto di Rolf Manser. Inoltre, a fine 2018 il direttore ha terminato il suo lungo mandato ed è andato in pensione, consegnando l’incarico a Claire-Lise Suter.

Dal 10 aprile  sono online i rapporti di tutti i progetti conclusi nel corso del 2018.


Ulteriori Informazioni

 

Uno sguardo al bosco
Tutte le foto dell'Inventario Forestale Nazionale ora disponibili online