3a newsletter Foresta 2018 – 2 ottobre 2018

Michael Reinhard

Editoriale di Michael Reinhard, Capo della divisione Foreste, Ufficio federale dell'ambiente

Bonjour!

Scrivo queste righe seduto nel mio ufficio in questa mia nuova funzione che richiede lo svolgimento di compiti un po’ inconsueti, come ad esempio la redazione del presente editoriale. E anche per voi potrebbe essere inconsueto leggere quanto scrivo. Permettete quindi che mi presenti!

Nell’ultima newsletter, Paul Steffen, vicedirettore dell’UFAM, vi ha annunciato la mia nomina come successore di Rolf Manser. Sono entrato all’UFAM dieci anni fa, nella sezione Prestazioni forestali e qualità del bosco diretta da Christian Küchli. Mi occupavo dei dossier «pericoli biotici», «incendi di boschi» e «specie esotiche invasive nel bosco». Mi sono in seguito dedicato alle prestazioni climatiche del bosco svizzero, tra adattamento e mitigazione, in collaborazione con le amministrazioni e le associazioni private. In seguito, nel 2015, ho assunto la direzione della nuova sezione Protezione e salute del bosco. Questo mese di settembre lascio quindi un team fantastico, che ringrazio calorosamente, per assumere la direzione della divisione Foreste nel suo insieme.

Mi sono laureato in geografia e scienze ambientali con una tesi di dottorato presso l’Istituto federale di ricerca WSL sostenuta al Politecnico federale di Losanna EPFL nel 2005 sulla prevenzione degli incendi di boschi nel contesto dei cambiamenti climatici. Gli anni in cui ho lavorato nel mondo accademico mi hanno permesso di familiarizzarmi con la formazione e la ricerca ma ho sempre avuto un grande interesse per le interazioni tra i sistemi naturali e la società e a trovare un equilibrio tra protezione e utilizzo delle risorse, che in fin dei conti è qualcosa di tipicamente «forestale».

L’equilibrio mi affascina fin da quando ero bambino e mi divertivo a camminare sui tronchi d’abete abbattuti nei pascoli alberati delle mie vallate giurassiane.  Nipote di un carradore da parte di padre, il bosco ha segnato la mia vita già dall’infanzia: ad esempio quando ci toccava la corvée della pulizia del bosco a scuola o quando andavo a cercare funghi con mio padre o mio nonno materno ma anche come «terreno di scoperta» in famiglia.

La nozione di equilibrio costituisce quindi la missione principale della divisione Foreste ed è inoltre l’obiettivo principale della politica forestale 2020 che sarà ottimizzata sulla base della valutazione intermedia. In questa newsletter trovate le prime informazioni in merito.  

La Giornata internazionale del bosco 2019 sarà dedicata ai vantaggi delle attività formative nel bosco, una bella opportunità per conoscere meglio questa sfaccettatura della foresta. La strategia relativa alle attività ricreative nel bosco («Strategie Freizeit und Erholung im Wald») è in elaborazione e viene presentata brevemente qui di seguito. La pressione sull’ecosistema forestale rimane elevata, come dimostrano il caldo e la canicola di quest’estate. Vi lascio quindi scoprire il lavoro quotidiano delle collaboratrici e dei collaboratori della divisione Foreste poiché questa newsletter è un po’ lo specchio della nostra divisione.

L’ultimo editoriale si concludeva con gli auguri del mio predecessore per il futuro del nuovo team. Ho la fortuna di ereditare da Rolf Manser un team competente e delle ottime strategie. Grazie, Rolf! Sono sicuro che riusciremo a portare avanti una politica forestale e del legno equilibrata in collaborazione con la Confederazione, i Cantoni, gli attori economici e le organizzazioni ambientali. Ed è proprio in questa direzione che intendo lavorare.

Ecco, care lettrici, cari lettori: mi sono presentato. Ora non vedo l’ora di fare pian piano la vostra conoscenza. Dire «buongiorno» è un modo cordiale e gentile per augurare al proprio interlocutore che la giornata che inizia sia positiva. Eccomi qui all’inizio della mia «giornata» al comando della divisione Foreste dell’UFAM. Auguro quindi al mio nuovo team e a tutti voi, care lettrici e cari lettori, un buongiorno particolarmente caloroso.

Michael Reinhard

Capo della divisione Foreste, Ufficio federale dell'ambiente



Politica forestale: Piano di misure dopo il 2020 e partecipazione

Nel settembre 2017, la responsabile del Dipartimento ha deciso di portare avanti la politica forestale attuale anche dopo il 2020. Sulla base dei risultati della valutazione intermedia della Politica forestale 2020 e dell’inchiesta preliminare, l’UFAM inizierà ora il processo di elaborazione del nuovo piano di misure. A seconda delle esigenze, verranno coinvolti, coordinati e consultati anche i partner esterni delle amministrazioni cantonali e delle associazioni. Lo scopo è una partecipazione il più possibile orientata agli obiettivi. Ciò significa, tra l’altro, che verranno creati gruppi di lavoro che condividono la prospettiva generale di tutti i partecipanti. I responsabili dell’UFAM contatteranno le commissioni esterne tra novembre e dicembre 2018.

Weiterentwicklung der Waldpolitik 2020: Analyse der Anliegen der Waldstakeholder (PDF, 1 MB, 31.03.2016)2016. ETH Zürich und HAFL Zollikofen. Studie im Auftrag des Bundesamtes für Umwelt BAFU.


Giornata internazionale del bosco 2019

Il tema della Giornata internazionale del bosco 2019 sarà «forest and education». Per sottolineare l’importanza delle attività formative svolte nel bosco, è stato deciso di prendere spunto dalla Giornata internazionale del bosco per sensibilizzare, a livello nazionale, la popolazione alla qualità del bosco in quanto luogo di formazione. L’UFAM, in collaborazione con Silviva, mette a disposizione mezzi di comunicazione e modelli di attività che possono essere utilizzati a livello cantonale o locale. Speriamo nella partecipazione di quanti più Cantoni, sezioni forestali e istituti di formazione possibili alla prossima Giornata internazionale del bosco, in modo che l’evento possa avere ampia risonanza.

Contatto: Adrian Schmutz


Strategia per il tempo libero e le attività ricreative nel bosco

L’obiettivo della strategia per il tempo libero e le attività ricreative nel bosco è assicurare un’elevata qualità delle prestazioni forestali per il tempo libero e le attività ricreative. La strategia contribuisce in maniera diretta all’attuazione della Politica forestale 2020 del Consiglio federale e si riallaccia alle differenti strategie e politiche della Confederazione relative a salute, sport, turismo, biodiversità e utilizzo del territorio.


Ulteriori informazioni

Management Summary «Grundlagen zur Betriebsanalyse und Strategieentwicklung in Forstbetrieben»

Guida breve per l’analisi d’impresa e lo sviluppo di strategie per le imprese forestali svizzere (in tedesco e francese):

Temi della newsletter piano d’azione Legno del 2° ottobre 2018

  • Prix Lignum: premiazione
  • Richieda legno svizzero
  • Compendio tascabile Costruzioni in legno
  • Decisioni di investimento nel legno
  • Insider
Bronzo per tre abitazioni plurifamiliari nell’area del Freilager di Zurigo ZH
Bronzo per tre abitazioni plurifamiliari nell’area del Freilager di Zurigo ZH

Eventi internazionali: Comitato per le foreste e per l’industria forestale UE a Vancouver (5-9/11 2018)

La 76a sessione dell’ «UNECE Committee on Forests and the Forest Industry» (COFFI) si terrà a Vancouver, nel British Columbia (Canada). Il Comitato elaborerà le linee guida per il monitoraggio dei dati, l’analisi, la formazione continua e la comunicazione. Il titolo dell’incontro è «Building the Future with Forests», e i temi principali sono i prodotti della foresta, la bioeconomia circolare e la gestione sostenibile del bosco.
Tutte le informazioni relative al programma e all’iscrizione sono disponibili su: www.unece.org/forests/coffi2018

 

Ip. Iv von Siebenthal 16.471 / Mo. UREK-S 18.3715

Il 30 agosto 2018, la Commissione dell’ambiente, della pianificazione territoriale e dell’energia del Consiglio nazionale (CAPTE) ha deciso di non dare seguito all’iniziativa parlamentare 16.471 «Attuazione della Politica forestale 2020 Agevolazione delle condizioni di dissodamento». Nel corso della stessa seduta, la Commissione ha presentato la mozione 18.3715, relativa a un altro aspetto della Politica forestale 2020. Questo intervento intende incaricare il Consiglio federale di creare le basi legali per rendere possibili i depositi di legname tondo nel bosco per i proprietari di bosco e le segherie.

Proponendo una modifica a livello di ordinanza, la Commissione intende evitare di cambiare la base legale che regola i dissodamenti. Entrambi gli interventi verranno verosimilmente trattati dal Consiglio degli Stati nel corso della sessione invernale.


Personale

A partire dal 1° settembre 2018 Therese Plüss ha preso il posto di Michael Reinhard alla guida della sezione Protezione e salute del bosco. Therese Plüss ha un dottorato in biologia e già nella sua tesi si è occupata di aspetti inerenti la protezione fitosanitaria: ha analizzato la possibilità di attuare misure di eradicazione degli organismi nocivi per le piante. Lavora all’UFAM da sette anni ed è responsabile della gestione del rischio relativa all’introduzione e alla diffusione di organismi di quarantena rilevanti per il bosco. Da due anni è supplente del caposezione e membro della direzione del Servizio fitosanitario federale (SFF).

A partire dal 1° gennaio 2019 verranno occupati i posti vacanti della sezione Protezione e salute del bosco. Andrea De Boni assume i compiti esecutivi della Confederazione del SFF. Ha ottenuto un master in gestione regionale in zone di montagna all’HAFL. Quest’anno ha concluso il suo stage universitario nella sezione Protezione e salute del bosco. A partire dal 1° gennaio entrerà in carica anche Joana Beatrice Meyer. Ha ottenuto un dottorato in fitopatologia al Politecnico federale di Zurigo e ha esperienza nella gestione di progetti. Da quattro anni lavora come post-doc presso il WSL.

Contatto
Ultima modifica 02.10.2018

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/bosco/newsletter/3-newsletter-foresta-02-10-2018.html