Quadro politico-legale degli acquisti pubblici ecologici

L’acquisto pubblico responsabile è raccomandato dalla Strategia per uno sviluppo sostenibile del Consiglio federale. Peraltro, la legge federale sugli acquisti pubblici e le sue ordinanze di applicazione, che definiscono le procedure d’acquisto, contengono delle disposizioni che consentono di integrarvi degli aspetti ecologici e di attuare un controllo della sostenibilità.

La legge federale sugli acquisti pubblici (LAPub), l'ordinanza sugli acquisti pubblici (OAPub) e l'ordinanza concernente l'organizzazione degli acquisti pubblici dell'Amministrazione federale (OOAPub) disciplinano le procedure di aggiudicazione pubbliche a livello federale. Le disposizioni cantonali si basano sul Concordato intercantonale sugli appalti pubblici (CIAP). Il quadro legale in Svizzera si fonda sull'accordo sugli appalti pubblici dell'Organizzazione mondiale per il commercio (OMC), rivisto in 2012.

Il diritto concernente gli acquisti pubblici

Il diritto vigente permette di tener conto delle preoccupazioni ecologiche fintantoché i principi chiave della procedura di aggiudicazione sono rispettati - trasparenza, parità di trattamento, concorrenza e utilizzo economico dei fondi pubblici. Quest'ultimo principio indica che gli acquisti non sono aggiudicati all'offerta meno cara, bensì a quella più vantaggiosa in termini economici, ovvero quella che presenta il miglior rapporto tra il prezzo e il servizio fornito. Le offerte sono valutate sulla base di criteri di aggiudicazione. In funzione dei beni e servizi che vengono acquistati, la valutazione può basarsi, tra l'altro, su criteri come qualità, longevità, costi d'esercizio, di manutenzione e di smaltimento, compatibilità tecnica e consumo di risorse.

La LAPub et l'OAPub sono al momento sottoposte a una revisione allo scopo di adattare l'accordo rivisto dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) al livello nazionale e di estendere, così, il mercato a cui hanno accesso le aziende svizzere. Tale revisione ha anche lo scopo di armonizzare il più possibile le legislazioni federale e cantonali in materia. La Conferenza degli acquisti della Confederazione (CA) è responsabile del processo di revisione.

L' OOAPub disciplina le competenze e la ripartizione dei compiti in materia di acquisti in seno all'Amministrazione federale e contiene una disposizione esplicitamente a favore degli acquisti pubblici responsabili. Inoltre, crea le basi necessarie per la gestione di un sistema di controllo degli acquisti dell'amministrazione che comprende, tra l'altro, un controllo della sostenibilità destinato a dimostrare il rispetto degli aspetti economici, ecologici e sociali al momento delle procedure d'acquisto.

I principi della CA contemplano una visione comune degli acquisti pubblici sostenibili basata sulla pertinente norma ISO 20400. Essi coprono tutte e tre le dimensioni della sostenibilità lungo l’intero processo di approvvigionamento e definiscono i requisiti per i committenti e l’oggetto dell’appalto. Inoltre, costituiscono la base per l’elaborazione di strumenti ausiliari e documenti che consentano agli acquirenti di effettuare acquisti pubblici sostenibili e orientati all’efficacia ai tre livelli federali. Analogamente ai principi della Conferenza di coordinamento degli organi della costruzione e degli immobili dei committenti pubblici (KBOB), anche questi nuovi principi sono stati elaborati in collaborazione con i servizi degli acquisti della Confederazione, i rappresentanti di imprese parastatali, i Cantoni e l’Unione delle città svizzere.

 

Strategia per uno sviluppo sostenibile del Consiglio federale

La Costituzione federale inserisce lo sviluppo durabile tra gli obiettivi della Confederazione e raccomanda alla Svizzera di impegnarsi a favore della conservazione sostenibile delle risorse naturali. Per attuare il suo mandato costituzionale e rispondere ai propri impegni internazionali, il Consiglio federale formula una strategia per uno sviluppo sostenibile, rinnovata a ogni legislatura e coordinata dall'Ufficio federale dello sviluppo territoriale.

La Strategia per uno sviluppo sostenibile per il periodo 2016-2019 stabilisce delle misure a favore degli acquisti pubblici responsabili. La Confederazione è chiamata ad adottare un comportamento esemplare acquistando beni (prodotti, servizi, edifici) che rispettano standard qualitativi elevati (economici, ecologici e sociali) sul loro intero ciclo di esistenza, realizzati in maniera socialmente responsabile.

Economia verde - Misure della Confederazione  da preservare le risorse e il futuro della Svizzera

Il rapporto «Grüne Wirtschaft - Massnahmen des Bundes für eine ressourcenschonende, zukunftsfähige Schweiz», approvato dal Consiglio federale il 20 aprile 2016, tira le somme dell'attuazione del piano d'azione Economia verde 2013 e comprende indicazioni sull'ulteriore sviluppo dell'economia verde per il periodo 2016-2019 secondo e basi legali esistenti. Una delle misure mira a rafforzare gli acquisti sostenibili.

Gestione delle risorse e del management ambientale dell'Amministrazione federale (RUMBA)

Il programma RUMBA ha come obiettivo di limitare il carico inquinante delle attività dell'Amministrazione federale riducendo i costi e aumentando l'efficacia. Per ottenere questo risultato, i collaboratori dell'amministrazione sono esortati ad adottare un comportamento oculato e rispettoso dell'ambiente, mentre gli acquirenti sono invitati a orientare le loro scelte su beni e servizi a basso consumo di risorse.

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 04.03.2019

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/economia-consumo/info-specialisti/acquisti-pubblici-ecologici/quadro-politico-legale-degli-acquisti-pubblici-ecologici.html