Webzine «ambiente» 4/2015: Siti contaminati

Bilancio intermedio > Discarica per rifiuti speciali di Kölliken > Finanziamento > Grandi progetti

Gérard Poffet, vicedirettore

Lavori in corso

Editoriale di Gérard Poffet, vicedirettore UFAM

Bilancio intermedio: A metà del Grande Repulisti

25.11.2015 - Il quadro che si ha guardando indietro agli ultimi quindici anni di trattamento e risanamento dei siti contaminati è rallegrante. Gli inventari sono terminati, la metà delle indagini concluse e un quarto dei circa 4000 siti contaminati stimati è ormai risanato. Per ultimare questo grosso progetto entro il 2040 occorre però dispiegare nuovi sforzi.

Discarica per rifiuti speciali di Kölliken: La chiusura di un sito emblematico

La discarica di Kölliken – il più grande sito contaminato del nostro Paese – è diventato il simbolo di un’ampia opera di bonifica volta a rimediare agli errori commessi in passato in materia di smaltimento dei rifiuti.

Christiane Wermeille

Domande e risposte: Discariche oggi, siti contaminati domani?

Christiane Wermeille, responsabile della sezione Siti contaminati dell’UFAM risponde ad alcune domande in tema di trattamento e risanamento dei siti inquinati.

Finanziamento: Lo scotto da pagare

Rimediare agli errori del passato finirà per costare caro alla Svizzera: tra le indagini dei siti inquinati e il risanamento dei siti contaminati, la fattura si aggirerà in totale sui 5 miliardi di franchi. E siccome non è sempre possibile chiamare alla cassa i responsabili, toccherà spesso alle collettività pubbliche saldare il conto.

Grandi progetti: I risanamenti più costosi

Il risanamento della discarica per rifiuti speciali di Kölliken (AG) non è il solo ad aver posto sfide tecniche e finanziarie considerevoli. Altri cinque progetti di portata analoga sono attualmente in corso e tutti con costi superiori ai 100 milioni di franchi.

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 25.11.2015

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/siti-contaminati/dossier/webzine-ambiente-siti-contaminati.html