Siti di riproduzione degli anfibi

Per proteggere le specie anfibie minacciate in Svizzera, la Confederazione ha istituito l’Inventario dei siti di riproduzione degli anfibi di importanza nazionale, il quale designa i principali siti di riproduzione a livello nazionale. L’inventario presenta tuttavia un notevole deficit per quanto riguarda l’attuazione di misure sul posto.

Il 70 per cento delle specie anfibie indigene figura nella relativa Lista rossa e la causa principale va cercata nella massiccia scomparsa di acque di riproduzione nel corso degli ultimi 100 anni. Particolarmente critica è la situazione delle specie presenti in corsi d'acqua occasionalmente in secca (ossia corsi d'acqua in secca una volta all'anno o ogni paio d'anni). Per la mancanza di acque adatte alla riproduzione è scomparso fino al 60 per cento di queste specie locali. Le specie di anfibi più frequenti scompaiono solo raramente dalle acque, ma le loro popolazioni diminuiscono comunque in misura considerevole.

Allo scopo di proteggere le specie anfibie minacciate in Svizzera, la Confederazione ha istituito nel 2001 l'Inventario dei siti di riproduzione degli anfibi di importanza nazionale (ISAN) e ha emanato la relativa ordinanza. L'inventario designa i siti di riproduzione più importanti e incarica i Cantoni di provvedere alla loro protezione e manutenzione. L’inventario include il 5-10 per cento dei circa 14 000 siti di riproduzione degli anfibi conosciuti della Svizzera. Gli attuali 929 oggetti dell’inventario sono stati determinati in base a una chiave di valutazione.

Lo scopo dell'ISAN è conservare, promuovere o reintrodurre a lungo termine le popolazioni di anfibi accertate. Gli oggetti iscritti nell'inventario servono al contempo come oasi di sussistenza e fulcri di diffusione.

I siti di riproduzione iscritti nell'ISAN sono d'importanza vitale soprattutto per le specie di anfibi rare e minacciate, alcune delle quali fanno registrare in effetti una presenza decisamente più marcata negli oggetti inventariati che in altre zone.

Gli oggetti iscritti nell’inventario sono suddivisi in oggetti fissi (all. 1) e oggetti mobili (all. 2). Gli oggetti fissi presentano un’area A definita che include le acque di riproduzione e le adiacenti superfici naturali e prossime allo stato naturale. La maggior parte degli oggetti presenta inoltre un’area B comprendente altri habitat terrestri e corridoi faunistici. Sono considerati oggetti mobili i siti di riproduzione situati in cave ancora attive con estrazione progressiva sul territorio. Una coordinata di punto indica la posizione della cava al momento dell’inserimento nell’archivio. La situazione potrebbe tuttavia essere cambiata sostanzialmente e anche le acque di riproduzione potrebbero trovarsi altrove.
Gli oggetti repertoriati ma non ancora in vigore sono soggetti a una protezione provvisoria (all. 3).
I siti di riproduzione degli anfibi d’importanza nazionale sono stati rivisti dal 2012 al 2017 in collaborazione tra Confederazione e Cantoni. La revisione, approvata nella seduta del 29 settembre 2017 dal Consiglio federale, è entrata in vigore il 1° novembre 2017.

La protezione e la cura degli oggetti ISAN è di competenza dei Cantoni. L’UFAM li sostiene dal punto di vista tecnico e finanziario.

L’attuazione in loco delle misure di protezione e di cura sufficienti è ancora molto lacunosa: la qualità delle acque di riproduzione e degli habitat terrestri peggiora nonostante lo stato di protezione elevato. I motivi identificati sono:

• mancanza di risorse (di personale e finanziarie) per la protezione della natura;
• maggiore importanza attribuita ad altri interessi di utilizzo;
• negligenza nella gestione dei valori naturali;
• ridotta volontà politica di adottare misure in caso di conflitti di utilizzo;
• mancanza parziale di conoscenze scientifiche dettagliate.

Oltre alla qualità degli habitat negli oggetti nazionali sono in diminuzione anche le popolazioni di anfibi ivi presenti. Negli ultimi dieci anni, ogni oggetto ISAN ha perso in media una specie fortemente minacciata.


Comunicato stampa del


Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 13.02.2020

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/themen/thema-biodiversitaet/biodiversitaet--fachinformationen/massnahmen-zur-erhaltung-und-foerderung-der-biodiversitaet/oekologische-infrastruktur/biotope-von-nationaler-bedeutung/amphibienlaichgebiete.html