Indicatore suolo

Tenore di carbonio dei suoli agricoli

La materia organica dei suoli (humus) proviene dalla decomposizione degli scarti vegetali e animali da parte degli organismi del suolo. Le funzioni dei suoli (produzione agricola e selvicoltura, regolazione dei cicli idrici, dei cicli dei nutrienti, del ciclo climatico), la loro stabilità strutturale (resistenza all’erosione) e la loro biodiversità dipendono dalla quantità e dalla qualità della materia organica. Il tasso di carbonio, la principale componente della materia organica, è un indicatore globale della qualità e della fertilità dei suoli.

Valutazione dello stato
nessuna valutazione possibile nessuna valutazione possibile
Valutazione della tendenza
nessuna valutazione possibile nessuna valutazione possibile
Tenore medio di carbonio 2010-14: 2.12 Tenore medio di carbonio 2005-09: 2.11 Tenore medio di carbonio 2000-04: 2.13 Tenore medio di carbonio 1995-99: 2.09 Tenore medio di carbonio 1990-94: 2.14
Tenore in carbonio organico nello strato superficiale del suolo (0-20 cm) nei siti monitorati NABO sotto terreni arabili: tenore medio per rilevamento.

Dati per il grafico: Excel
Fonte:
Commento

Il tasso di carbonio organico varia considerevolmente secondo il tipo di suolo. È influenzato da fattori naturali come le proprietà fisiche del suolo (p.es. il tasso di argilla) e le condizioni climatiche come pure dall’utilizzo dei suoli da parte dell’uomo. La pratiche agricole e selvicole hanno effetti diretti (modifica del ciclo della materia organica) o indiretti (erosione, costipamento) sul tasso di carbonio organico.
I risultati delle 5 campagne di campionamento (dal 1990-1994 al 2000-2014) mostrano che globalmente il tasso di carbonio è rimasto stabile, anche se aumenta o diminuisce per qualche area di saggio.

Per il tenore di carbonio nel suolo non esistono valori di riferimento né a livello nazionale né a livello internazionale. Per questo motivo, si rinuncia a una valutazione del presente indicatore.

Raffronto internazionale

Nell’ambito della strategia europea di protezione del suolo, la diminuzione del tenore in carbonio organico nei suoli è considerata una delle 8 principali minacce. Nel confronto internazionale, i tenori in carbonio organico nei suoli delle grandi colture misurati in Svizzera sono relativamente elevati.

Metodo

Ogni 5 anni dal 1985, un campione composito viene prelevato dai primi 20 cm di ognuna delle 103 aree di saggio permanenti della Rete nazionale di osservazione dei suoli (NABO).

Le analisi sono effettuate per l’orizzonte superficiale perché è qui che la materia organica (di cui il carbonio è la componente principale) si accumula. Il carbonio organico è analizzato secondo il metodo standard utilizzato in Svizzera (ossidazione di una soluzione di bicromato di potassio e di acido solforico) o secondo il metodo dell’analisi elementare carbonio/azoto.

L’indicatore è stato calcolato per i 29 siti di grandi colture (terreni soleggiati): mentre l’evoluzione del tenore di carbonio nei suoli è lenta, la prassi agricola può provocare variazioni percettibili a più breve termine. I risultati sono presentati sotto forma di tenore medio per ciclo di prelievo a partire dal 2° ciclo (1990-1994).

 
Ultimo aggiornamento: 30.11.2017

Ulteriori informazioni

Link

inidkatoren_hirun

Indicatori

Ricerca ed elenco di tutti gli indicatori

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/themen/thema-boden/boden--daten--indikatoren-und-karten/boden--indikatoren/indikator-boden.pt.html/aHR0cHM6Ly93d3cuaW5kaWthdG9yZW4uYWRtaW4uY2gvUHVibG/ljL0FlbURldGFpbD9pbmQ9Qk8wODYmbG5nPWl0JlN1Ymo9Tg==.html