Collaborazione con i servizi specializzati nazionali e internazionali

L’attività svolta dall’UFAM nel campo delle previsioni richiede una stretta collaborazione con i servizi competenti a livello nazionale e internazionale.


1. Collaborazione con MeteoSvizzera e con l’Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) del WSL

L’UFAM opera in stretta collaborazione con MeteoSvizzera. Da quest’ultima riceve dati importanti per le previsioni e, durante le piene o in situazioni meteorologiche critiche, è sempre in contatto diretto con gli addetti alle previsione di MeteoSvizzera. Le successive previsioni e allerte vengono decise sulla base di una valutazione congiunta della situazione.

Soprattutto in primavera, durante lo scioglimento delle nevi, l’UFAM è in contatto anche con l’Istituto federale per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) del WSL di Davos. Il SLF informa l’UFAM sull’attuale distribuzione e sull’evoluzione attesa dell’equivalente in acqua della neve in Svizzera. Si tratta di informazioni importanti ai fini dell’interpretazione dei risultati del modello di previsione.

Oltre a collaborazioni di tipo operativo, MeteoSvizzera, SLF, UFAM e altri servizi specializzati federali gestiscono due piattaforme informative sui pericoli naturali: la piattaforma GIN e la piattaforma pericolinaturali.ch. La piattaforma GIN (piattaforma informativa comune sui pericoli naturali) mette a disposizione dati di misurazioni, previsioni, allerte e rapporti sulla situazione ed è accessibile solo agli esperti della Confederazione, dei Cantoni e dei Comuni; la piattaforma www.pericolinaturali.ch è invece pubblica e informa in tempo reale sulle allerte, oltre a fornire raccomandazioni sul comportamento da seguire in caso di emergenza.


2. Collaborazione internazionale

Le misurazioni e le previsioni relative ai bacini imbriferi in territorio svizzero sono molto importanti anche per i servizi di previsione situati più a valle lungo un fiume.
Per tale ragione si collabora da anni con i servizi di previsione idrologica attivi lungo il Reno. Tra questi servizi lo scambio dei dati delle misurazioni e delle previsioni nonché delle esperienze è una prassi istituzionalizzata.

L’UFAM lavora a stretto contatto con la centrale per la previsione delle piene (Hochwasser-Vorhersage-Zentrale, HVZ) del Baden-Württemberg a Karlsruhe (D). I due servizi si scambiano quotidianamente misurazioni e previsioni. Uno scambio altrettanto intenso riguarda il modello idrologico LARSIM.

Una piena dell’Arve nel maggio del 2015 ha richiamato l’attenzione sull’importanza di una collaborazione istituzionalizzata tra la Svizzera e la Francia. L’UFAM, MeteoSvizzera, il Cantone di Ginevra e i servizi competenti nella regione Auvergne Rhône-Alpes (Francia) si sono dichiarati disponibili a fissare le regole per uno scambio dei dati e a elaborare congiuntamente dei modelli di previsione. In tal modo si dovrebbe riuscire a colmare una lacuna del sistema di allerta di piene del Cantone di Ginevra.

Lago di Costanza: un esempio di collaborazione internazionale

Dal 2006 la HVZ di Karlsruhe, nel Baden-Württemberg (D), il servizio specializzato del governo della regione austriaca del Vorarlberg (Landeswasserbauamt Vorarlberg) e l’UFAM gestiscono un sistema comune di previsione dei livelli delle acque del lago di Costanza.

Le centrali di previsione degli Stati che si affacciano sul Lago di Costanza forniscono, attraverso una piattaforma Internet comune, informazioni sul livello delle acque come pure un rapporto congiunto sulla situazione in caso di piena.

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 15.11.2019

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/themen/thema-wasser/wasser--fachinformationen/zustand-der-gewaesser/hydrologische-vorhersagen-des-bundes/zusammenarbeit-mit-nationalen-und-internationalen-fachstellen.html