Acquisti pubblici ecologici

I poteri pubblici sono importanti consumatori che acquistano beni e servizi per un totale di 40 miliardi di franchi all’anno, a tutti i livelli istituzionali. Nello scegliere prodotti rispettosi dell’ambiente e a basso consumo di risorse, il settore pubblico può contribuire attivamente a rendere ecologici gli acquisti e alla transizione verso un’economia verde e innovativa, svolgendo un ruolo esemplare.

Ogni anno i poteri pubblici (Confederazione, Cantoni o Comuni) acquisiscono beni e servizi per un ammontare di circa 40 miliardi di franchi, ovvero il 6 per cento del PIL svizzero. Dal canto suo, la Confederazione ha speso circa 5 miliardi di franchi nel 2014. Con delle cifre simili in gioco, il settore pubblico è in grado di avanzare pretese con i fornitori, perlopiù ecologiche, ad esempio sul consumo energetico o sul tenore di sostanze chimiche nei beni forniti. Così facendo, incita lo sviluppo di prodotti di qualità, innovativi e a basso consumo di risorse, nonché il passaggio a un'economia verde, il tutto risparmiando finanze pubbliche. Inoltre, dando l'esempio in materia di approvvigionamento ecologico, lo Stato aumenta la credibilità delle politiche pubbliche ambientali. 

Guide per gli acquisti pubblici ecologici

L’acquisto pubblico ecologico è un procedimento complesso poiché esistono diversi modi per integrare la dimensione ambientale in un bando di concorso. La sfida consiste nel combinare le opzioni a disposizione in maniera ottimale, nel rispetto dei principi fondamentali alla base delle procedure di aggiudicazione. Gli acquirenti pubblici hanno a disposizione svariate risorse per assisterli durante questa procedura.

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 11.12.2018

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/themen/thema-wirtschaft-und-konsum/fachinformationen-wirtschaft-und-konsum/oekologische-oeffentliche-beschaffung.html