Apparecchiature elettriche ed elettroniche

In Svizzera le restrizioni relative a determinate sostanze contenute nelle apparecchiature elet-triche ed elettroniche sono identiche a quelle contemplate dalla direttiva 2011/65/UE (RoHS2) per quanto riguarda il tipo dei metalli pesanti e delle sostanze ignifughe regolamentati, le cate-gorie di apparecchiature interessate, le deroghe ai divieti relativi alla sostanze e la data di en-trata in vigore delle disposizioni.

Basi legali

 1.      Divieti

Apparecchiature elettriche ed elettroniche, cavi e relative parti di ricambio non possono essere immessi sul mercato se contenenti mercurio, piombo, cadmio, cromo (VI), bifenile polibromato (PBB) o difeniletere polibromato (PBDE). Sono tollerati valori di concentrazione fino a un massimo dello 0,1 per cento. Per quanto riguarda il cadmio, il valore massimo consentito è pari allo 0,01 per cento. I valori massimi si riferiscono a sostanze omogenee.

2.      Categorie di apparecchiature interessate

Sono considerate apparecchiature elettriche ed elettroniche:

  • i grandi elettrodomestici;
  • i piccoli elettrodomestici;
  • le apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni;
  • le apparecchiature di consumo;
  • le apparecchiature di illuminazione;
  • gli strumenti elettrici ed elettronici;
  • i giocattoli e le apparecchiature per lo sport e il tempo libero;
  • i dispositivi medici;
  • gli strumenti di monitoraggio e controllo, compresi gli strumenti di monitoraggio e controllo industriali;
  • i distributori automatici;
  • le altre apparecchiature elettriche ed elettroniche non comprese nelle categorie sopra elencate.

 Le apparecchiature elettriche ed elettroniche seguenti che contengono tuttora i metalli pesanti menzionati, decabromodifeniletere (DecaBDE), i bifenili polibromati (PBB) ad eccezione dell'esabromobifenile possono ancora essere immesse per la prima volta sul mercato fino alla data indicata:

  • dispositivi medici di diagnosi in vitro doppo 22 luglio 2016
  • strumenti di monitoraggio e controllo industriali doppo 22 luglio 2017
  • apparecchiature che non rientrano nel campo di applicazione della  direttiva 2002/95/CE (RoHS1) e che non sarebbero conformi ai requisiti della direttiva 2011/65/UE (RoHS2) doppo 22 luglio 2019

I divieti relativi ai metalli pesanti e alle sostanze ignifughe del DecaBDE o del PBB ad eccezione dell'esabromodifenile non si applicano

  • alle apparecchiature necessarie alla tutela degli interessi essenziali in materia di sicurezza della Svizzera, compresi le armi, le munizioni e il materiale bellico destinati a fini specificamente militari;
  • alle apparecchiature destinate a essere inviate nello spazio;
  • agli strumenti industriali fissi e agli impianti industriali fissi di grandi dimensioni;
  • ai mezzi di trasporto destinati al trasporto di persone o merci (esclusi i veicoli elettrici a due ruote non omologati);
  • alle macchine mobili non stradali destinate a esclusivo uso professionale;
  • ai dispositivi medici impiantabili attivi;
  • ai pannelli fotovoltaici destinati a essere utilizzati in un sistema concepito, montato e installato da professionisti per un impiego permanente in un luogo prestabilito, ai fini della produzione di energia da luce solare per applicazioni pubbliche, commerciali, industriali e residenziali;
  • alle apparecchiature appositamente concepite a fini di ricerca e sviluppo, messe a disposizione unicamente nell'ambito di rapporti tra imprese;
  • alle apparecchiature appositamente concepite quale parte di un tipo di apparecchiatura per la quale non si applica il divieto relativo alle sostanze.

 3.      Deroghe per determinati materiali e componenti

I divieti non si applicano alle apparecchiature elettriche ed elettroniche, i cavi e le parti di ricambio menzionati negli allegati III e IV della direttiva 2011/65/UE per le applicazioni ivi riportate.

4.      Obblighi degli attori economici

I fabbricanti di apparecchiature devono confermare il rispetto del divieto relativo a determinate sostanze in una dichiarazione di conformità. Gli importatori devono garantire che i fabbricanti ottemperino a tale obbligo. Conformemente alla direttiva RoHS2, per la comprova della conformità RoHS, i fabbricanti devono utilizzare il noto modulo A («Controllo di fabbricazione interno») secondo la decisione n. 768/2008/CE. L'elemento centrale del modulo è la documentazione tecnica del fabbricante, che deve consentire di valutare se l'apparecchiatura elettrica o elettronica soddisfa i requisiti della direttiva RoHS2. Per le apparecchiature, sulle cui componenti sono state effettuate misurazioni, o che sono state analizzate in base alla norma armonizzata EN 50581:2012 (Documentazione tecnica per la valutazione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche in relazione alla restrizione delle sostanze pericolose), si presume che non siano presenti sostanze pericolose.

5.      Indicazioni

 Non è per il momento previsto che le autorità svizzere concedano deroghe per determinati campi di utilizzo. Inoltre, non è stabilito che il fabbricante o i loro rappresentanti debbano apporre il marchio CE sulle loro apparecchiature come previsto a livello europeo, in quanto altre disposizioni armonizzate con l'Unione europea non impongono un marchio CE per questo genere di apparecchiature. 

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 09.12.2019

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/prodotti-chimici/info-specialisti/prodotti-chimici--disposizioni-e-procedure/apparecchiature-elettriche-ed-elettroniche.html