Meno torba nel giardinaggio per hobby: l’impegno volontario si rivela efficace

Berna, 13.08.2020 - Nel terriccio in sacchi destinato a giardinieri dilettanti la quota di torba è stata dimezzata tra il 2016 e il 2018 dal 16 all’8 per cento. La riduzione mostra che la dichiarazione d’intenti sottoscritta nel 2017 dai commercianti al dettaglio e dai produttori di terra si è rivelata efficace. L’obiettivo è di ridurre al 5 per cento entro il 2020 la quota di torba presente nel terriccio venduto in sacchi e di documentare con trasparenza la riduzione ottenuta. Inoltre si intende ridurre al 5 per cento entro il 2030 anche la quota di torba nella produzione di piante ornamentali, piante da appartamento, arbusti e legni ornamentali.

Nel 2017 sei rappresentanti del commercio al dettaglio, due produttori di terra e JardinSuisse, l'associazione mantello del settore del giardinaggio, hanno sottoscritto la «Dichiarazione d'intenti volta a ridurre l'impiego di torba nella produzione, nell'offerta e nell'utilizzazione di terriccio in sacchi destinata agli utilizzatori finali in Svizzera» (Coop, Ernst Meier AG, Jumbo-Markt AG, Landi Schweiz AG, Lidl Svizzera SA, Cooperativa Migros MGB, ökohum GmbH e RICOTER Erdaufbereitung AG).

I firmatari della dichiarazione d'intenti si sono impegnati a fornire una rendicontazione annua delle quantità di torba vendute nel terriccio in sacchi. Dalla valutazione dei dati pubblicati si evince che nel biennio 2017-2018 le aziende coinvolte hanno compiuto notevoli progressi nella riduzione della torba (cfr. grafico nella scheda). La quota di torba nel terriccio in sacchi è infatti stata dimezzata, con una diminuzione del 3 per cento dal 2016 al 2017 e del 5 per cento nell'anno successivo. Per rendere l'idea, la diminuzione ottenuta nel 2018, ossia 25 000 m3 di torba, sarebbe sufficiente per coprire 3,5 campi di calcio con uno strato di torba alto un metro. 

Negli ultimi mesi, l'impegno di riduzione della torba è stato sottoscritto da altre due imprese: Aldi Suisse AG e COMPO Jardin AG. L'UFAM esaminerà nel 2021 se l'obiettivo di ridurre a un massimo del 5 per cento la torba nel terriccio venduto in sacchi sarà stato raggiunto.

Ridurre il più possibile l'utilizzo di torba

L'estrazione della torba contribuisce al riscaldamento climatico e danneggia la biodiversità. In Svizzera l'estrazione della torba è vietata, ma ogni anno se ne importa tuttavia una quantità pari fino a 524 000 m3. Per ridurre i danni ambientali che ne conseguono, nel 2012 il Consiglio federale ha adottato la Strategia di rinuncia alla torba. La strategia prevede una prima fase di riduzione dell'impiego della torba da raggiungere in primo luogo attraverso misure volontarie da parte dei settori coinvolti. Alla prima dichiarazione d'intenti del 2017 sulla riduzione della quota di torba venduta nel terriccio in sacchi è seguita la seconda nell'estate del 2019, in cui JardinSuisse e i suoi circa 1700 membri, i commercianti al dettaglio Coop e Migros e i produttori di terra RICOTER Erdaufbereitung AG e ökohum GmbH, si impegnano a ridurre a un massimo del 5 per cento entro il 2030 la quota di torba nella produzione e nell'offerta di piante ornamentali, piante da appartamento, arbusti e legni ornamentali.

Impatto ambientale causato dall'estrazione di torba
Torba è la definizione usata per la terra di una palude prosciugata. La torba è un prodotto naturale che si forma molto lentamente, con uno strato di circa 1 mm l'anno. Per estrarre la torba si prosciugano le paludi e si distruggono habitat preziosi per le specie vegetali e animali. Le paludi costituiscono un ecosistema unico per le specie la cui sopravvivenza dipende da questi biotopi. Nonostante coprano soltanto il 3 per cento della superficie terrestre, le paludi immagazzinano nel suolo circa un terzo del diossido di carbonio catturato, con una capacità di stoccaggio superiore persino a quella delle foreste. Quando la torba entra in contatto con l'ossigeno viene decomposta da organismi che lo impoveriscono, un processo che libera nell'aria diossido di carbonio e protossido di azoto, due gas climalteranti. La torba è molto apprezzata nell'orticoltura per la sua stabilità e buona capacità di assorbimento dell'acqua ed è utilizzata ad esempio per migliorare le condizioni del suolo nel giardinaggio. Tuttavia, la torba presenta queste proprietà solo fintanto che è degradata dagli organismi presenti nel suolo. L'effetto positivo sulla struttura del suolo e sulla crescita delle piante è quindi soltanto di breve durata.


Indirizzo cui rivolgere domande

Sezione Media
Telefono: +41 58 462 90 00
E-mail: mediendienst@bafu.admin.ch



Pubblicato da

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
https://www.bafu.admin.ch/it

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/economia-consumo/comunicati.msg-id-80059.html