Convenzioni internazionali

La Convenzione sulla diversità biologica (CBD) è stata adottata in occasione della Conferenza di Rio organizzata dalle Nazioni Unite nel 1992. Il Protocollo di Cartagena sulla sicurezza biologica, il Protocollo di Nagoya sull'accesso alle risorse genetiche e l'equa condivisione dei vantaggi derivanti dal loro utilizzo, nonché il Piano strategico globale per la biodiversità 2011-2020 sono accordi importanti conclusi nell'ambito della CBD. Nel 2021 si prevede di adottare un nuovo quadro globale per la biodiversità che sostituirà il Piano strategico in scadenza.

Esistono anche altre convenzioni, che si occupano di determinate specie o di ambienti naturali specifici, come ad esempio la Convenzione di Bonn sulla conservazione delle specie migratrici della fauna selvatica (CMS), la Convenzione di Ramsar sulle zone umide, la Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione (CITES) e la Convenzione di Berna per la conservazione della vita selvatica e dei suoi biotopi in Europa. La Svizzera aderisce inoltre all’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN/UICN), alla Piattaforma intergovernativa sulla biodiversità e i servizi ecosistemicii (IPBES) istituita nel 2012 e alla Global Biodiversity Information Facility (GBIF).

Tutte queste convenzioni partecipano all’applicazione del Piano strategico globale per la biodiversità 2011-2020 e agli sforzi profusi per raggiungere gli obiettivi di biodiversità 2020 (20 obiettivi di Aichi). Questi ultimi sono stati definiti nell’ottobre 2010 a Nagoya (prefettura di Aichi) per assicurare l’applicazione concreta della Convenzione. Nell’ambito dei negoziati per un nuovo quadro post-2020 per la biodiversità, la Svizzera si impegna a rafforzare ulteriormente le sinergie nel regime internazionale della biodiversità. Inoltre, nell’ambito della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (United Nations Convention on the Law of the Sea, UNCLOS), la Svizzera partecipa attivamente ai negoziati per una convenzione sulla protezione della biodiversità al di fuori dei territori nazionali (= alto mare).


 1. CBD – Convenzione sulla diversità biologica 

La Convenzione sulla diversità biologica (CBD) è stata adottata in occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo (UNCED) che si è tenuta a Rio de Janeiro nel 1992. Finora vi hanno aderito 196 Paesi. La Svizzera l’ha ratificata il 21 novembre 1994.

I Paesi firmatari della Convenzione sulla diversità biologica s’impegnano a proteggere la biodiversità sui loro territori, a promuovere misure adeguate per tutelare e utilizzare la biodiversità nei Paesi in via di sviluppo e a regolamentare in modo equo l’accesso alle risorse genetiche e il relativo impiego.

Nell’aprile 2002 i Paesi firmatari della CBD si sono inoltre impegnati a ridurre sensibilmente la perdita di biodiversità entro il 2010. Purtroppo tale obiettivo non è stato raggiunto. La Conferenza delle Parti tenutasi a Nagoya nell’ottobre 2010 ha definito il Piano strategico globale per la biodiversità 2011-2020 e nuovi obiettivi, i cosiddetti 20 «Aichi Biodiversity Targets», da realizzare entro il 2020. Questi includono per esempio l'eliminazione di falsi incentivi, un migliore collegamento delle aree da proteggere e l'utilizzo sostenibile delle aree sfruttate a scopo economico.

Su incarico del Consiglio federale, il DATEC ha elaborato una Strategia nazionale per la tutela a lungo termine della biodiversità. La Strategia è stata adottata dal Consiglio federale il 25 aprile 2012. Il relativo piano d’azione è stato deciso il 6 ottobre 2017 e definisce misure concrete volte a raggiungere i dieci obiettivi strategici per salvaguardare a lungo termine la biodiversità nel nostro Paese.

Per il periodo dopo il 2020, si prevede di adottare un nuovo quadro globale per la biodiversità alla prossima Conferenza delle Parti. Si tratta di sostituire il Piano strategico per la biodiversità 2011-2020, in scadenza, con nuovi obiettivi per il 2030 e il 2050. La Svizzera si impegna, tra l’altro, a raggiungere i seguenti obiettivi: in primo luogo, un quadro chiaro e conciso con obiettivi e indicatori misurabili che affrontino le più importanti cause globali di perdita della biodiversità. In secondo luogo, un quadro che si applica all’intero regime internazionale della biodiversità e rafforza e sfrutta le sinergie tra le diverse convenzioni e i vari processi. In terzo luogo, un meccanismo di attuazione efficace che permetta di valutare il successo delle misure di attuazione e di trarne degli insegnamenti.


2. Il Protocollo di Cartagena sulla sicurezza biologica

Nel quadro della Convenzione sulla biodiversità, le Parti della CBD hanno adottato nel 2000 anche il Protocollo di Cartagena sulla sicurezza biologica. La Svizzera lo ha ratificato il 26 marzo 2002. Il Protocollo di Cartagena è uno strumento di diritto internazionale che tratta gli aspetti legati all'ambiente e alla salute in relazione con l'impiego di organismi viventi geneticamente modificati. Il Protocollo di Cartagena deve garantire il trasporto e l’utilizzo sicuri degli organismi viventi modificati con l'aiuto della moderna biotecnologia, che potrebbero rappresentare un pericolo per la conservazione e l'utilizzo sostenibile della diversità biologica.

Nel 2010 è stato adottato a Nagoya un protocollo addizionale al Protocollo di Cartagena. Il Protocollo addizionale di Nagoya-Kuala Lumpur prevede regole e procedure internazionali sulla responsabilità e il risarcimento dei danni causati alla biodiversità da organismi genericamente modificati (OGM). La Svizzera ha ratificato il protocollo addizionale il 27 ottobre 2014. Le disposizioni del protocollo, entrato in vigore il 5 marzo 2018, sono conformi alla vigente legge svizzera sull’ingegneria genetica (LIG, RS 814.91).


3. Protocollo di Nagoya sull’accesso alle risorse genetiche e la giusta ed equa condivisione dei benefici derivanti dalla loro utilizzazione (Access and Benefit-Sharing ABS)

Il Protocollo di Nagoya, adottato nell’ambito della Convenzione sulla diversità biologica (CBD), regola l’accesso alle risorse genetiche e l’equa condivisione dei benefici derivanti dal loro utilizzo (Access and Benefit-Sharing, ABS). Il Protocollo di Nagoya realizza il terzo obiettivo della Convenzione sulla diversità biologica e fornisce un importante contributo alla conservazione della biodiversità e all’uso sostenibile di tutti gli elementi che la compongono. Alle risorse genetiche sono spesso collegate le conoscenze tradizionali di comunità indigene o locali. Il Protocollo di Nagoya contempla quindi anche disposizioni relative all’accesso e all’equa condivisione dei benefici derivanti dall’utilizzo di tali conoscenze.

La Svizzera ha ratificato il Protocollo di Nagoya l’11 luglio 2014 e quest’ultimo è entrato in vigore il 12 ottobre 2014. Per l’attuazione del Protocollo in Svizzera sono state aggiunte nuove disposizioni (art. 23n – q, 24h cpv. 3 e 25d) nella legge federale sulla protezione della natura e del paesaggio (LPN, RS 451), le quali sono entrate in vigore il 12 ottobre 2014. La relativa ordinanza di Nagoya (ONag, RS 451.61) è entrata in vigore il 1° febbraio 2016. L’ordinanza concretizza le disposizioni sulle risorse genetiche contemplate nella legge sulla protezione della natura e del paesaggio come pure l’attuazione del Protocollo di Nagoya in Svizzera.


4. Convenzione di Ramsar sulle zone umide

La Convenzione sulle zone umide d'importanza internazionale segnatamente come habitat degli uccelli acquatici e palustri è stata conclusa a Ramsar (Iran) nel 1971 ed è quindi uno dei primi accordi per la protezione della natura. In Svizzera, la Convenzione di Ramsar è entrata in vigore il 16 maggio 1976. Il segretariato ha sede a Gland (VD).


5. Convenzione di Bonn sulla conservazione delle specie migratrici della fauna selvatica (CMS)

La Convenzione di Bonn sulla conservazione delle specie migratrici della fauna selvatica (CMS) è stata conclusa a Bonn (Germania) nel 1979 e in Svizzera è entrata in vigore il 1° luglio 1995. Il segretariato ha sede a Bonn.


6. Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione (CITES)

La Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione (Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora, CITES), nota anche come Convenzione di Washington, è stata stipulata a Washington nel 1973. In Svizzera è entrata in vigore il 1° luglio 1975. Il segretariato ha sede a Ginevra. L’autorità competente in Svizzera è l’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV).


7. Convenzione di Berna

La Convenzione per la conservazione della vita selvatica e dei suoi biotopi in Europa è stata firmata a Berna nel 1979 su iniziativa del Consiglio d’Europa. È la prima convenzione che disciplina la protezione della biodiversità su scala europea.

L'obiettivo della Convenzione è la conservazione della flora e della fauna selvatiche e dei loro habitat naturali come pure la promozione della collaborazione tra i Paesi europei nell’ambito della protezione della biodiversità, con particolare riguardo alle specie minacciate e a quelle sensibili. Essa applica a livello regionale molti degli obiettivi che verranno poi stabiliti a livello mondiale nella Convenzione sulla diversità biologica del 1992.


8. Trattato internazionale sulle risorse fitogenetiche per l'alimentazione e l'agricoltura (ITPGRFA)

Il Trattato internazionale sulle risorse fitogenetiche per l’alimentazione e l’agricoltura (ITPGRFA) è stato concluso a Roma nel 2001 ed è entrato in vigore in Svizzera il 20 febbraio 2005. In Svizzera l'autorità competente è l’Ufficio federale dell’agricoltura (UFAG).

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 30.04.2021

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/biodiversita/info-specialisti/biodiversita--affari-internazionali/convenzioni-internazionali.html