Lupo

Singoli individui giungono continuamente nel nostro Paese; nel 2012 si è formato il primo branco. La Svizzera non pratica una politica attiva di promozione del lupo. Con la Strategia Lupo Svizzera, l’UFAM vuole contenere al minimo i problemi che possono scaturire dalla loro presenza.

Negli ultimi anni il numero di lupi presenti in Svizzera è continuamente aumentato. Questi animali sono arrivati dall'Italia e dalla Francia, dove le popolazioni di lupi si stanno nuovamente diffondendo. Nel 2012 si è formato il primo branco di lupi nella regione del Calanda (GR).

Il nostro Paese non pratica una politica attiva di promozione del lupo. Tuttavia, dal momento che questa specie varca spontaneamente i confini del nostro Paese, la Svizzera deve prepararsi al suo ritorno.

Strategia Lupo Svizzera

L'UFAM ha elaborato, in stretta collaborazione con i Cantoni e le cerchie interessate, la Strategia Lupo Svizzera. Si tratta di un aiuto all'esecuzione destinato in primo luogo alle autorità esecutive e come tale concretizza concetti giuridici indeterminati contenuti in leggi e ordinanze nell'intento di promuovere un'applicazione uniforme della legislazione. La strategia poggia sui seguenti principi e obiettivi:

  • il lupo fa parte della fauna indigena. Il suo ritorno avviene in maniera naturale, dato che emigra in Svizzera di sua iniziativa;
  • il lupo è protetto (Convenzione di Berna e LCP);
  • la Confederazione promuove e coordina le misure dei Cantoni volte a prevenire danni agli animali da reddito (art. 12 cpv. 5 LCP);
  • la Confederazione contribuisce a risarcire i costi dovuti ai danni agli animali da reddito nella misura dell'80 per cento (art. 10 OCP);
  • qualora singoli lupo causino danni notevoli, i Cantoni possono concedere in via eccezionale un'autorizzazione per abbatterli;
  • Previa autorizzazione dell'UFAM, i Cantoni possono rilasciare l'autorizzazione di abbattimento per lupi giovani in aree abitate da branchi, se di loro iniziativa si aggirano regolarmente e spontaneamente all'interno o nelle immediate vicinanze di insediamenti mostrandosi aggressivi o troppo poco timorosi nei confronti dell'uomo;
  • il ritorno del lupo viene monitorato (KORA).

Strategia Lupo Svizzera

Aiuto all’esecuzione dell’UFAM sulla gestione del lupo in Svizzera. 2016

Abbattimenti autorizzati dai Cantoni a partire dal 2000 di lupi che hanno causato danni importanti

Quantità  Cantone  Data  Attuato
VS  02.05.2000 
VS  27.07.2000  No 
VS  15.08.2000 
GR  28.08.2001 
VS 09.08.2002  No 
VS 01.09.2006 
VS 11.10.2006
VS 28.09.2007  No 
LU 05.08.2009  No 
VS 06.08.2009 
VS 06.08.2009  No 
VS 03.08.2010 
VS 27.08.2013 
UR 23.06.2015  No 
VS 31.08.2015  No 
VS 14.06.2016  No 
UR 14.07.2016 

Abbattimenti di regolazione degli effettivi del lupo autorizzati dai Cantoni dal 2015

Quantità  Cantone  Data  Attuato
GR  21.12.2015  No
SG  21.12.2015  No
VS  21.12.2016 
VS  21.12.2016  No

Cooperazione internazionale

Il Wolf Alpine Group è un gruppo informale di specialisti (in particolare della ricerca faunistica e dell'amministrazione). Ogni due anni si riunisce in uno dei Paesi alpini per uno scambio esperienze così come per coordinare il monitoraggio del lupo. Gli esiti delle discussioni sono in seguito pubblicati sotto forma di un rapporto sull'«Alpine Wolf Workshop». Quando il gruppo si riunisce in Svizzera, è compito del KORA organizzare l'atelier ed elaborare il rapporto.

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 18.04.2017

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/biodiversita/info-specialisti/misure-per-conservare-e-promuovere-la-biodiversita/salvaguardia-e-promozione-delle-specie/grandi-predatori/lupo.html