Misure contro il rumore

Il rumore deve essere combattuto principalmente alla fonte, in modo da evitare che venga prodotto. Misure nell’ambito della pianificazione del territorio e una corretta programmazione dei trasporti devono contribuire a garantire zone prive di rumore. L’UFAM promuove tecnologie silenziose per veicoli e carreggiate.

La quiete è un bene prezioso, che favorisce la salute e il benessere dell'uomo e fornisce un contributo essenziale all'attrattiva del luogo in cui si lavora, si abita e si trascorre il tempo libero. Siccome in Svizzera la densificazione delle costruzioni accentua sempre più uno sviluppo centripeto degli insediamenti, il traffico cresce e la popolazione aumenta, le misure alla fonte assumono sempre più importanza per garantire uno spazio abitativo e di vita piacevole dal profilo acustico. Ma anche la «quiete» va protetta in misura adeguata.

Per garantire una protezione della popolazione a tutto campo, la lotta contro il rumore deve concentrarsi maggiormente su misure che consentano di eliminare i rumori alla fonte e garantire zone tranquille all'interno e all'esterno degli insediamenti.

1. Prevenzione delle emissioni foniche alla fonte

Il rumore può essere evitato o ridotto efficacemente solo mediante misure alla fonte. In ogni caso, in Svizzera occorre ridurre ulteriormente il livello sonoro nelle zone residenziali. Vista la diversità di fonti di rumore mobili e fisse, questo compito va affrontato praticamente in tutte le zone insediative.

2. Conservazione della risorsa naturale «quiete»

La quiete è un fattore importante della qualità di vita e assume sempre più rilievo per l'attrattiva del luogo in cui si abita, si lavora e si trascorre il tempo libero. La popolazione ha bisogno di zone tranquille accessibili all'interno e all'esterno degli insediamenti.

All'interno degli insediamenti

La tutela della quiete è un tassello dello sviluppo centripeto degli insediamenti promosso dalla Confederazione. Per raggiungere questo obiettivo essenziale dell'ordinamento del territorio, un numero più elevato di persone dovrebbe vivere e lavorare nei centri urbani. Per promuovere questa tendenza, gli spazi vitali urbani devono essere organizzati in modo attrattivo e offrire spazi a sufficienza per attività ricreative. Attualmente, in ambito urbanistico si investe spesso nella valorizzazione visiva di quartieri e città. L'organizzazione di ambienti con suoni aventi effetti positivi per la qualità di vita, invece, non viene ancora considerata in misura sufficiente. Il benessere delle persone non deriva però soltanto dalla percezione visiva, ma dipende fortemente anche dai rumori. Per gestire l'aspetto sonoro delle zone urbane occorrono pertanto ulteriori riflessioni di natura pianificatoria, organizzativa e architettonica.

All'esterno degli insediamenti

La presenza di zone tranquille è irrinunciabile per le attività ricreative e importante per il turismo anche al di fuori degli insediamenti. Le misure di conservazione e promozione della quiete nel paesaggio vanno sviluppate ulteriormente, sfruttando le sinergie con altri settori, come ad esempio la protezione del paesaggio e della biodiversità. 

Tendenze future

L'UFAM ha incaricato degli esperti di identificare le tendenze future rilevanti nell'ambito dei rumori e di formulare delle tesi in vista della situazione acustica della Svizzera nel 2050. Si prospettano gli sviluppi seguenti:

  • le esigenze di mobilità e il volume del traffico sono in continuo aumento; la mobilità resta tuttora la fonte principale di rumore;
  • l'impatto del rumore prodotto dal vicinato e dalle attività quotidiane e ricreative aumenta, sarà difficile risolvere questo problema con gli approcci di tipo quantitativo applicati sinora;
  • nelle zone urbanizzate aumenterà l'esigenza di oasi di quiete a pochi passi da posti di lavoro e abitazioni e la necessità di sviluppare soluzioni artificiali negli interni che fungano da luoghi di riposo e quiete;
  • le fonti di rumore legate alle tecnologie diventano più silenziose grazie al progresso tecnologico, inoltre, gli standard tecnologici vengono fissati sempre più spesso a livello internazionale;
  • si perde il consenso sul silenzio da osservare durante pause di mezzogiorno, di notte e nei giorni festivi;
  • la protezione contro l'inquinamento fonico entra a far parte di una concezione integrale della salute.

Die Zukunft der akustischen Landschaft Schweiz (PDF, 2 MB, 12.09.2012)Eine Analyse von langfristigen Megatrends. Im Auftrag des BAFU

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 15.11.2019

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/rumore/info-specialisti/misure-contro-il-rumore.html