Indicatore aria

Immissioni di diossido di azoto

Gli ossidi di azoto (NOx) comprendono il diossido di azoto (NO2) e il monossido di azoto (NO) che si formano nei processi di combustione di carburanti e combustibili, in particolare ad alte temperature. La fonte principale è costituita dal traffico stradale. Gli ossidi di azoto sono importanti precursori delle precipitazioni acide, delle polveri fini secondarie e, insieme ai composti organici volatili, dell’ozono/smog estivo. Insieme all’ammoniaca formano l’ozono e contribuiscono all’eccessiva concimazione degli ecosistemi. Il diossido di azoto e altri gas irritanti favoriscono inoltre le malattie alle vie respiratorie, in particolare nei bambini.

Valutazione dello stato
scadente scadente
Valutazione della tendenza
positivo positivo
Valore limite d'immissione 2018: 30 Valore limite d'immissione 2017: 30 Valore limite d'immissione 2016: 30 Valore limite d'immissione 2015: 30 Valore limite d'immissione 2014: 30 Valore limite d'immissione 2013: 30 Valore limite d'immissione 2012: 30 Valore limite d'immissione 2011: 30 Valore limite d'immissione 2010: 30 Valore limite d'immissione 2009: 30 Valore limite d'immissione 2008: 30 Valore limite d'immissione 2007: 30 Valore limite d'immissione 2006: 30 Valore limite d'immissione 2005: 30 Valore limite d'immissione 2004: 30 Valore limite d'immissione 2003: 30 Valore limite d'immissione 2002: 30 Valore limite d'immissione 2001: 30 Valore limite d'immissione 2000: 30 Valore limite d'immissione 1999: 30 Valore limite d'immissione 1998: 30 Valore limite d'immissione 1997: 30 Valore limite d'immissione 1996: 30 Valore limite d'immissione 1995: 30 Valore limite d'immissione 1994: 30 Valore limite d'immissione 1993: 30 Valore limite d'immissione 1992: 30 Valore limite d'immissione 1991: 30 Prealpi/Giura 2018: 5.961 Prealpi/Giura 2017: 5.201 Prealpi/Giura 2016: 5.5 Prealpi/Giura 2015: 5.975 Prealpi/Giura 2014: 5.783 Prealpi/Giura 2013: 6.9745 Prealpi/Giura 2012: 6.213 Prealpi/Giura 2011: 6.695 Prealpi/Giura 2010: 7.48 Prealpi/Giura 2009: 6.385 Prealpi/Giura 2008: 6.32 Prealpi/Giura 2007: 6.73 Prealpi/Giura 2006: 7.065 Prealpi/Giura 2005: 7.075 Prealpi/Giura 2004: 6.61 Prealpi/Giura 2003: 8.355 Prealpi/Giura 2002: 8.285 Prealpi/Giura 2001: 8.61 Prealpi/Giura 2000: 7.795 Prealpi/Giura 1999: 8.185 Prealpi/Giura 1998: 7.735 Prealpi/Giura 1997: 9.285 Prealpi/Giura 1996: 10.775 Prealpi/Giura 1995: 7.5 Prealpi/Giura 1994: 7.545 Prealpi/Giura 1993: 7.55 Prealpi/Giura 1992: 9.11 Prealpi/Giura 1991: 9.888 campagna 2018: 12.0815 campagna 2017: 12.01995 campagna 2016: 12.7 campagna 2015: 13.44 campagna 2014: 12.226 campagna 2013: 13.972 campagna 2012: 12.9145 campagna 2011: 13.885 campagna 2010: 14.71 campagna 2009: 14.88 campagna 2008: 14.195 campagna 2007: 13.6 campagna 2006: 16.05 campagna 2005: 14.995 campagna 2004: 14.48 campagna 2003: 16.58 campagna 2002: 14.58 campagna 2001: 13.75 campagna 2000: 15.56 campagna 1999: 16.88 campagna 1998: 16.965 campagna 1997: 18.45 campagna 1996: 19.09 campagna 1995: 16.715 campagna 1994: 16.06 campagna 1993: 16.97 campagna 1992: 18.51 campagna 1991: 22.528 aree suburbane 2018: 20.405 aree suburbane 2017: 21.7567 aree suburbane 2016: 21.9 aree suburbane 2015: 23.955 aree suburbane 2014: 23.094 aree suburbane 2013: 24.2005 aree suburbane 2012: 23.994 aree suburbane 2011: 25.265 aree suburbane 2010: 25.87 aree suburbane 2009: 25.645 aree suburbane 2008: 24.79 aree suburbane 2007: 25.025 aree suburbane 2006: 27.87 aree suburbane 2005: 27.27 aree suburbane 2004: 27.185 aree suburbane 2003: 30.665 aree suburbane 2002: 27.545 aree suburbane 2001: 26.815 aree suburbane 2000: 28.165 aree suburbane 1999: 31.265 aree suburbane 1998: 32.225 aree suburbane 1997: 32.915 aree suburbane 1996: 33.675 aree suburbane 1995: 31.82 aree suburbane 1994: 29.28 aree suburbane 1993: 32.91 aree suburbane 1992: 33.533 aree suburbane 1991: 38.849 città 2018: 25.054 città 2017: 27.86505 città 2016: 28 città 2015: 30.765 città 2014: 29.475 città 2013: 31.222 città 2012: 31.601 città 2011: 32.93 città 2010: 32.89 città 2009: 32.5 città 2008: 33.645 città 2007: 34.485 città 2006: 36.25 città 2005: 35.065 città 2004: 34.05 città 2003: 37.765 città 2002: 35.39 città 2001: 35.405 città 2000: 37.705 città 1999: 40.1 città 1998: 42.17 città 1997: 43.435 città 1996: 42.805 città 1995: 41.41 città 1994: 43.405 città 1993: 44.155 città 1992: 49.986 città 1991: 51.22 città, traffico 2018: 34.81975 città, traffico 2017: 38.5656 città, traffico 2016: 39.2 città, traffico 2015: 40.89 città, traffico 2014: 40.089 città, traffico 2013: 42.735 città, traffico 2012: 41.438 città, traffico 2011: 42.425 città, traffico 2010: 42.19 città, traffico 2009: 43.23 città, traffico 2008: 45.665 città, traffico 2007: 45.64 città, traffico 2006: 49.32 città, traffico 2005: 47.31 città, traffico 2004: 43.955 città, traffico 2003: 48.115 città, traffico 2002: 45.845 città, traffico 2001: 43.025 città, traffico 2000: 47.325 città, traffico 1999: 48.715 città, traffico 1998: 49.308 città, traffico 1997: 50.095 città, traffico 1996: 50.904 città, traffico 1995: 50.996 città, traffico 1994: 52.881 città, traffico 1993: 51.138 città, traffico 1992: 55.185 città, traffico 1991: 59.88

Dati per il grafico: Excel
Fonte: UFAM
Commento

Se in città i valori limite sono costantemente superati, in campagna sono di regola rispettati. Nelle zone suburbane le concentrazioni si aggirano attorno ai valori limite. Dalla metà degli anni Ottanta si è registrata una diminuzione dal 30 al 50 % dell’NO2 grazie a provvedimenti di protezione dell’aria (ad es. l’inasprimento dei valori limite dei gas di scarico e l’adozione della marmitta catalitica per le automobili). Ciononostante, l’inquinamento da ossidi di azoto resta tuttora un problema serio per gran parte della Svizzera. L’uomo e l’ambiente sono tuttora esposti a concentrazioni troppo elevate di diossido di azoto e l’immissione di composti azotati in ecosistemi sensibili è ancora a livelli di gran lunga superiori ai valori tollerabili. Occorrono pertanto ulteriori misure quali, ad esempio, il ricorso allo stato della tecnica più aggiornato in materia di autoveicoli, impianti industriali e agricoli nonché sistemi di riscaldamento.

Raffronto internazionale

I Paesi dell’Unione europea rilevano anche le emissioni di diossido di azoto e hanno definito lo stesso indicatore. In Svizzera, l’inquinamento da NO2 è inferiore rispetto ai Paesi limitrofi (meno veicoli diesel, nessuna centrale termica).

Metodo

Lo stato e la tendenza dell’inquinamento atmosferico su scala nazionale sono rilevati dalla Rete di osservazione nazionale degli inquinanti atmosferici NABEL. Gestita dall’UFAM e dall’Empa, questa rete consiste in 16 stazioni di misura installate su tutto il territorio nazionale che tengono conto delle principali situazioni di inquinamento. Per la valutazione delle immissioni di biossido di azoto sono stati calcolati i dati di misurazione delle stazioni per le diverse tipologie di siti, tenendo conto solo delle stazioni rurali sul versante nord delle Alpi. I dati della stazione di Sommer hanno dovuto essere omogeneizzati a causa di un cambio di stazione, il metodo è descritto nella relazione annuale.

Base per la valutazione della tendenza
Evoluzione auspicata Valore iniziale Valore finale Variazione in % Evoluzione osservata Valutazione
Calo Media 1991-1993 Media 2016-2018 (1) -32.26%, (2) -44.33%, (3) -39.16%, (4) -36.56%, (5) -37.24% (1) Calo, (2) Calo, (3) Calo, (4) Calo, (5) Calo positivo
(1) città, traffico, (2) città, (3) aree suburbane, (4) campagna, (5) Prealpi/Giura
 
Ultimo aggiornamento: 06.06.2019

Ulteriori informazioni

Link

inidkatoren_hirun

Indicatori

Ricerca ed elenco di tutti gli indicatori

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/themen/thema-luft/luft--daten--indikatoren-und-karten/luft--indikatoren/indikator-luft.pt.html/aHR0cHM6Ly93d3cuaW5kaWthdG9yZW4uYWRtaW4uY2gvUHVibG/ljL0FlbURldGFpbD9pbmQ9TFUwMjAmbG5nPWl0JlN1Ymo9Tg==.html