Il Consiglio federale approva ordinanze nel settore ambientale

Berna, 12.05.2021 - Nella sua seduta del 12 maggio 2021, il Consiglio federale ha approvato la modifica di due ordinanze nel settore ambientale. Si tratta del sostegno finanziario che la Confederazione concede ai Cantoni per il risanamento del rumore stradale e del deposito temporaneo di legname in tronchi nel bosco. Il Consiglio federale ha inoltre approvato una nuova ordinanza sul commercio del legno e l’inventario delle paludi del Cantone di Obvaldo.

Protezione dal rumore stradale quale compito permanente

Il traffico stradale è la principale fonte di rumore in Svizzera. Negli ultimi dieci anni, gli investimenti cantonali sono decuplicati e il numero di persone protette è sensibilmente aumentato. Ciononostante, oltre un milione di persone è ancora esposto ad un eccessivo rumore al proprio domicilio. La revisione dell’ordinanza contro l’inquinamento fonico (OIF) mantiene la protezione delle persone quale compito permanente. La Confederazione continuerà a sostenere finanziariamente i Cantoni nell’ambito del risanamento del rumore stradale. L’accento è posto sulle misure alla fonte quali le pavimentazioni fonoassorbenti o la limitazione della velocità. La revisione dell’OIF adempie il postulato Barazzone (15.3840) e la mozione Hêche (19.3237) e consente di proseguire la collaborazione tra Confederazione e Cantoni. Le disposizioni relative al proseguimento dei contributi finanziari entreranno in vigore il 1° luglio 2021, quelle relative alle misure alla fonte seguiranno nel 2025.

Nuovi obblighi per gli operatori e i commercianti di legname

Il Consiglio federale ha decretato l’entrata in vigore al 1° gennaio 2022 della modifica della legge sulla protezione dell’ambiente riguardante il divieto di commercializzare legno e prodotti da esso derivati di provenienza illegale. La revisione della legge è stata approvata nel 2019 dal Parlamento e costituisce la base giuridica della nuova ordinanza sul commercio del legno (OCoL) che entrerà in vigore alla stessa data. Con questa ordinanza, su mandato del Parlamento, la Svizzera introduce disposizioni equivalenti a quelle dell’Unione europea (UE; EUTR 995/2010). L’elemento centrale dell’OCoL è un nuovo obbligo di diligenza per chi immette per la prima volta in commercio legno e prodotti da esso derivati: gli operatori devono dimostrare che procedono a una valutazione sistematica dei rischi derivanti dalla provenienza illegale del legname e che, se detti rischi sussistono, sono riusciti a ridurli a un livello sopportabile. I commercianti devono garantire la tracciabilità dei prodotti. L’obiettivo è prevenire l’immissione sul mercato o il commercio di legno o prodotti da esso derivati di provenienza illegale. Lottando contro il prelievo e il commercio di legno di provenienza illegale si previene la deforestazione e la perdita di biodiversità.

Deposito di legname in tronchi nel bosco

In futuro, i proprietari di boschi e le segherie potranno allestire depositi temporanei per il legname in tronchi nel bosco, volti a favorire la gestione regionale del bosco. A seguito dell’approvazione della mozione CAPTE-S (18.3715) «Attuazione della Politica forestale 2020. Facilitare lo stoccaggio di tondame» il Consiglio federale è stato incaricato di creare le relative basi giuridiche nell’ordinanza sulle foreste. Un deposito temporaneo di legname in tronchi è autorizzato solo se sono soddisfatti i requisiti esistenti per le costruzioni e gli impianti forestali. Detti depositi sottostanno alle stesse disposizioni di protezione dell’ambiente dell’intera area boschiva. La revisione dell’ordinanza sulle foreste entra in vigore il 1° luglio 2021.

Protezione delle paludi nel Cantone di Obvaldo

Il Consiglio federale ha inoltre approvato l’inventario delle paludi del Cantone di Obvaldo. Le revisioni delle ordinanze concernenti la protezione dei biotopi e le zone palustri d’importanza nazionale erano entrate in vigore già nel novembre 2017, fatta eccezione per le paludi del Cantone di Obvaldo. La verifica degli inventari cantonali e il miglioramento della precisione dei perimetri delle paludi sono ora conclusi in tutta la Svizzera ed entrano in vigore il 1° luglio 2021. La verifica interessa 49 paludi.


Indirizzo cui rivolgere domande

Sezione Media, medien@bafu.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/documentazione/comunicati/anzeige-nsb-unter-medienmitteilungen.msg-id-83495.html