Indicatore acque

Inquinamento idrico dovuto alle acque di scarico

Nonostante il buon livello tecnologico degli IDA, molti microinquinanti finiscono ancora nei corsi d’acqua attraverso le acque di scarico. I microinquinanti provengono da prodotti di uso quotidiano quali medicinali, detergenti e prodotti per la cura del corpo e già a basse concentrazioni, possono inquinare le acque utilizzate per la produzione di acqua potabile e danneggiare gli organismi acquatici. Il presente indicatore mostra in quali tratti di corsi d’acqua sono presenti quote elevate di acque di scarico depurate e, dunque, è prevedibile la presenza di microinquinanti.

Valutazione dello stato
nessuna valutazione possibile nessuna valutazione possibile
Valutazione della tendenza
nessuna valutazione possibile nessuna valutazione possibile

Fonte: UFAM
Commento

Elevate quote di acque di scarico si registrano soprattutto nei fiumi di piccole e medie dimensioni nelle aree densamente popolate, come ad esempio l’Altipiano. In questi corsi d’acqua sono presenti elevate concentrazioni di sostanze in tracce. Una valutazione dello stato a livello svizzero è impossibile a causa della diversa situazione esistente nei fiumi di piccole, medie e grandi dimensioni, nonché nelle diverse regioni della Svizzera.

L’evoluzione dell’indicatore dipende dai cambiamenti climatici (portata dei corsi d’acqua) e dalla quota di popolazione residente nel bacino imbrifero dell’IDA. A causa della loro eterogeneità non è possibile valutare i fattori che influenzano il presente indicatore. Dato che in diverse regioni svizzere la densità della popolazione e i periodi di magra sono in aumento, è importante assicurare, in particolare nelle regioni densamente popolate, una depurazione delle acque di scarico efficace e di alta qualità, al fine di evitare di danneggiare gli organismi acquatici e di inquinare l’acqua potabile. Vanno inoltre adottati provvedimenti volti a ridurre l’apporto di microinquinanti nelle acque. Introducendo, ad esempio, un’ulteriore fase di depurazione si potrebbe raddoppiare l’efficacia degli IDA nel trattamento dei microinquinanti. Il presente indicatore fornisce indicazioni sugli IDA in cui è necessario introdurre un’ulteriore fase di depurazione.

Il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno approvato il 3 marzo 2014 la proposta del Consiglio federale di un finanziamento su scala nazionale del potenziamento di circa 100 IDA per eliminare in modo mirato i microinquinanti. La legge sulla protezione delle acque è stata modificata in tal senso e in base al principio di causalità verrà introdotta una tassa nazionale sulle acque di scarico limitata fino al 2040. Le relative prescrizioni giuridiche sono entrate in vigore il 1° gennaio 2016.

Raffronto internazionale

A proposito delle quote di acque di scarico non si dispone di dati standardizzati o rilevati a livello internazionale ma se ne sta discutendo da poco nelle sedi internazionali preposte. Attualmente le quote di acque di scarico sono registrate, ad esempio, in Germania.

Metodo

La stima delle acque di scarico avviene sulla base della quantità media delle acque reflue trattate dall'impianto di depurazione in condizioni di tempo asciutto. La quota di acque di scarico è calcolata in base alla situazione di magra, nel corso della quale le acque di scarico sono diluite al minimo e l’inquinamento raggiunge livelli massimi.

 
Ultimo aggiornamento: 20.04.2018

Ulteriori informazioni

Link

inidkatoren_hirun

Indicatori

Ricerca ed elenco di tutti gli indicatori

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/themen/thema-wasser/wasser--daten--indikatoren-und-karten/wasser--indikatoren/indikator-wasser.pt.html/aHR0cHM6Ly93d3cuaW5kaWthdG9yZW4uYWRtaW4uY2gvUHVibG/ljL0FlbURldGFpbD9pbmQ9V1MwMDEmbG5nPWl0JlN1Ymo9Tg==.html