Indicatore acque

Consumo di acqua potabile

L’utilizzazione dell’acqua potabile è variata e intensa. Nelle economie domestiche è utilizzata come bevanda, per cucinare, per l’igiene personale, per pulire o per innaffiare. È inoltre utilizzata dall’industria e dall’artigianato, come pure dai servizi pubblici per alimentare le fontane, per innaffiare e per pulire le infrastrutture.  

In quanto «riserva idrica» dell’Europa, la Svizzera dispone di importanti risorse di acqua. La disponibilità di tali risorse varia considerevolmente secondo le stagioni e la situazione geografica. La sfida principale rimane pertanto quella di mettere l’acqua a disposizione al posto giusto, al momento giusto nella quantità e nella qualità richieste.

Valutazione dello stato
buono buono
Valutazione della tendenza
positivo positivo
Perdite 2016: 38.7205934988449 Approvvigionamento 2016: 6.18227963426935 Scopi di pubblica utilità e fontane 2016: 16.5945400709335 Artigianato e industria 2016: 70.6081410861289 Economie domestiche e piccole imprese 2016: 168.223082679856 Perdite 2015: 42.4432157480781 Approvvigionamento 2015: 5.92230917415044 Scopi di pubblica utilità e fontane 2015: 15.4638072880595 Artigianato e industria 2015: 69.7516413844385 Economie domestiche e piccole imprese 2015: 173.063034755729 Perdite 2014: 40.9063245168564 Approvvigionamento 2014: 6.31886313675018 Scopi di pubblica utilità e fontane 2014: 14.9657284817767 Artigianato e industria 2014: 66.1817770638571 Economie domestiche e piccole imprese 2014: 171.607019924373 Perdite 2013: 42.0719598801791 Approvvigionamento 2013: 6.05836222274579 Scopi di pubblica utilità e fontane 2013: 15.4824812359059 Artigianato e industria 2013: 66.6419844502036 Economie domestiche e piccole imprese 2013: 178.385109891959 Perdite 2012: 43.2821502026934 Approvvigionamento 2012: 6.81608664609344 Scopi di pubblica utilità e fontane 2012: 16.3586079506243 Artigianato e industria 2012: 66.4568447994111 Economie domestiche e piccole imprese 2012: 185.397556773742 Perdite 2011: 44.7723926538836 Approvvigionamento 2011: 7.57686644911876 Scopi di pubblica utilità e fontane 2011: 17.9089570615534 Artigianato e industria 2011: 68.1917980420688 Economie domestiche e piccole imprese 2011: 190.454870289212 Perdite 2010: 42.1228525177978 Approvvigionamento 2010: 7.65870045778141 Scopi di pubblica utilità e fontane 2010: 22.6279786252633 Artigianato e industria 2010: 59.5289899218464 Economie domestiche e piccole imprese 2010: 194.948738925345 Perdite 2009: 44.336691427184 Approvvigionamento 2009: 8.44508408136839 Scopi di pubblica utilità e fontane 2009: 19.3533176864692 Artigianato e industria 2009: 67.2087941475567 Economie domestiche e piccole imprese 2009: 201.62638244267 Perdite 2008: 44.4645226466707 Approvvigionamento 2008: 11.6319191243691 Scopi di pubblica utilità e fontane 2008: 18.497241421015 Artigianato e industria 2008: 64.0289126112058 Economie domestiche e piccole imprese 2008: 214.141141066366 Perdite 2007: 38.6080185607147 Approvvigionamento 2007: 10.824678101135 Scopi di pubblica utilità e fontane 2007: 18.7627753753006 Artigianato e industria 2007: 55.9275035225307 Economie domestiche e piccole imprese 2007: 221.905901073267 Perdite 2006: 41.9587818818331 Approvvigionamento 2006: 7.66203843059561 Scopi di pubblica utilità e fontane 2006: 21.1618204273593 Artigianato e industria 2006: 57.6477177159099 Economie domestiche e piccole imprese 2006: 220.958593979462 Perdite 2005: 46.647701498787 Approvvigionamento 2005: 9.54992314148395 Scopi di pubblica utilità e fontane 2005: 20.2017604916007 Artigianato e industria 2005: 63.1764146282784 Economie domestiche e piccole imprese 2005: 243.15573537163 Perdite 2004: 45.4465679527799 Approvvigionamento 2004: 10.3455601843727 Scopi di pubblica utilità e fontane 2004: 25.1249318763336 Artigianato e industria 2004: 66.1376883215252 Economie domestiche e piccole imprese 2004: 233.144588440684 Perdite 2003: 47.6215279069594 Approvvigionamento 2003: 10.4172092296474 Scopi di pubblica utilità e fontane 2003: 21.578504832841 Artigianato e industria 2003: 58.7828235101531 Economie domestiche e piccole imprese 2003: 265.266792169235 Perdite 2002: 46.4487322118212 Approvvigionamento 2002: 10.4884234026693 Scopi di pubblica utilità e fontane 2002: 28.8431643573406 Artigianato e industria 2002: 68.9239252175411 Economie domestiche e piccole imprese 2002: 246.103363412633 Perdite 2001: 46.0648532721149 Approvvigionamento 2001: 8.3067768195617 Scopi di pubblica utilità e fontane 2001: 21.1445228134298 Artigianato e industria 2001: 65.6990530274426 Economie domestiche e piccole imprese 2001: 245.805077706121 Perdite 2000: 54.7640960501396 Approvvigionamento 2000: 12.9304115673941 Scopi di pubblica utilità e fontane 2000: 26.2411293573585 Artigianato e industria 2000: 65.4126702821112 Economie domestiche e piccole imprese 2000: 251.002106896473 Perdite 1999: 56.7525603665206 Approvvigionamento 1999: 7.64859304131005 Scopi di pubblica utilità e fontane 1999: 26.5406178533459 Artigianato e industria 1999: 68.1872069632791 Economie domestiche e piccole imprese 1999: 245.2138929044 Perdite 1998: 52.5332082176398 Approvvigionamento 1998: 7.65308084576158 Scopi di pubblica utilità e fontane 1998: 25.9204848745895 Artigianato e industria 1998: 71.2236468660826 Economie domestiche e piccole imprese 1998: 250.051917885135 Perdite 1997: 52.8949359855446 Approvvigionamento 1997: 9.11182838875076 Scopi di pubblica utilità e fontane 1997: 26.4088585504471 Artigianato e industria 1997: 68.8020262235332 Economie domestiche e piccole imprese 1997: 250.691109017621 Perdite 1996: 57.3017122804031 Approvvigionamento 1996: 8.74421807925125 Scopi di pubblica utilità e fontane 1996: 29.5987912859611 Artigianato e industria 1996: 72.7395132256299 Economie domestiche e piccole imprese 1996: 238.686200579208 Perdite 1995: 57.4946753413019 Approvvigionamento 1995: 8.69015335792957 Scopi di pubblica utilità e fontane 1995: 27.5834778459282 Artigianato e industria 1995: 84.3798372923965 Economie domestiche e piccole imprese 1995: 236.884269658562 Perdite 1994: 55.5438037279327 Approvvigionamento 1994: 7.84561106768409 Scopi di pubblica utilità e fontane 1994: 30.6798522348244 Artigianato e industria 1994: 84.076846964137 Economie domestiche e piccole imprese 1994: 247.000133513955 Perdite 1993: 55.9852288635071 Approvvigionamento 1993: 8.84598068419179 Scopi di pubblica utilità e fontane 1993: 29.1720785229791 Artigianato e industria 1993: 79.5745106880186 Economie domestiche e piccole imprese 1993: 242.93028732276 Perdite 1992: 66.7088379951617 Approvvigionamento 1992: 11.5015237922693 Scopi di pubblica utilità e fontane 1992: 37.5980846726595 Artigianato e industria 1992: 82.2160649012903 Economie domestiche e piccole imprese 1992: 277.622988089258 Perdite 1991: 68.9859417300934 Approvvigionamento 1991: 8.8084197217763 Scopi di pubblica utilità e fontane 1991: 38.3166257897269 Artigianato e industria 1991: 100.295870013862 Economie domestiche e piccole imprese 1991: 262.170601537233 Perdite 1990: 61.0388880846082 Approvvigionamento 1990: 8.15745778258394 Scopi di pubblica utilità e fontane 1990: 41.4772231532378 Artigianato e industria 1990: 100.283971048582 Economie domestiche e piccole imprese 1990: 259.00943068881 Perdite 1989: 62.0290541051606 Approvvigionamento 1989: 9.81134608281494 Scopi di pubblica utilità e fontane 1989: 42.2832069677799 Artigianato e industria 1989: 84.1969490203073 Economie domestiche e piccole imprese 1989: 280.300715704855 Perdite 1988: 65.6378127139197 Approvvigionamento 1988: 10.3050538245687 Scopi di pubblica utilità e fontane 1988: 39.9786425483269 Artigianato e industria 1988: 95.725259020994 Economie domestiche e piccole imprese 1988: 263.047879955658 Perdite 1987: 69.7573036392346 Approvvigionamento 1987: 9.67924308869762 Scopi di pubblica utilità e fontane 1987: 38.0494383486734 Artigianato e industria 1987: 91.5773214641865 Economie domestiche e piccole imprese 1987: 271.978386617327 Perdite 1986: 69.3812793588306 Approvvigionamento 1986: 9.15564098076579 Scopi di pubblica utilità e fontane 1986: 31.0367829577336 Artigianato e industria 1986: 97.6881693635836 Economie domestiche e piccole imprese 1986: 265.639583501576 Perdite 1985: 81.1588037354562 Approvvigionamento 1985: 11.0267817672848 Scopi di pubblica utilità e fontane 1985: 34.6857771300414 Artigianato e industria 1985: 96.6216471332579 Economie domestiche e piccole imprese 1985: 261.220657728436 Perdite 1984: 76.3027687753996 Approvvigionamento 1984: 9.5060179119519 Scopi di pubblica utilità e fontane 1984: 35.6475671698196 Artigianato e industria 1984: 104.354009131651 Economie domestiche e piccole imprese 1984: 265.234874775444 Perdite 1983: 83.1998156373921 Approvvigionamento 1983: 11.2524340821063 Scopi di pubblica utilità e fontane 1983: 33.3736965389744 Artigianato e industria 1983: 111.927620831861 Economie domestiche e piccole imprese 1983: 265.79613233339 Perdite 1982: 84.2898851481712 Approvvigionamento 1982: 11.3269876086538 Scopi di pubblica utilità e fontane 1982: 35.5197234067598 Artigianato e industria 1982: 111.175451962674 Economie domestiche e piccole imprese 1982: 264.837793295167 Perdite 1981: 90.8813442336148 Approvvigionamento 1981: 12.8540784890496 Scopi di pubblica utilità e fontane 1981: 32.371642482456 Artigianato e industria 1981: 115.901657546748 Economie domestiche e piccole imprese 1981: 266.367459258031 Perdite 1980: 82.3832342688636 Approvvigionamento 1980: 14.1413740713482 Scopi di pubblica utilità e fontane 1980: 32.1316236544701 Artigianato e industria 1980: 118.796191357779 Economie domestiche e piccole imprese 1980: 226.391722518373 Perdite 1979: 86.4045731280617 Approvvigionamento 1979: 17.6894674361776 Scopi di pubblica utilità e fontane 1979: 35.9874177817078 Artigianato e industria 1979: 114.481713088186 Economie domestiche e piccole imprese 1979: 263.21232135993 Perdite 1978: 78.593530970389 Approvvigionamento 1978: 16.0412753173062 Scopi di pubblica utilità e fontane 1978: 34.6107951139705 Artigianato e industria 1978: 104.965736315417 Economie domestiche e piccole imprese 1978: 263.983595982627 Perdite 1977: 83.1738210215056 Approvvigionamento 1977: 15.3605377752203 Scopi di pubblica utilità e fontane 1977: 32.379315423902 Artigianato e industria 1977: 105.429145639012 Economie domestiche e piccole imprese 1977: 264.271070360041

Dati per il grafico: Excel
Fonte: Il Società Svizzera dell'industria del Gas e delle Acque
Commento

Dalla fine degli Anni settanta, il consumo di acqua potabile in Svizzera è diminuito nonostante la crescita demografica. Nel 1977 era pari ancora a circa 500 litri pro capite al giorno, mentre oggi si aggira sui 300 litri. L’aumento del consumo di acqua pro capite del 2,5 per cento tra il 2014 e il 2015 è dovuto soprattutto alla marcata siccità del 2015. Benché con i cambiamenti climatici questo scenario rischia di riprodursi, non deve essere considerato come una nuova tendenza. Con un calo del consumo medio pari a circa il 20 per cento tra la fine degli Anni settanta e oggi, l’andamento del consumo d’acqua in Svizzera può essere considerato positivo.

Nelle economie domestiche questo andamento è dovuto soprattutto ad apparecchi domestici sempre più parsimonioso, a cambiamenti di abitudini (cibi precotti, mezzi di pulitura usa e getta ecc.) e probabilmente anche alla sensibilizzazione della popolazione. Per quanto riguarda l’industria, il calo risulta dal miglioramento significativo della sua efficienza nell’utilizzazione dell’acqua, ma anche dalla delocalizzazione di determinati siti di produzione, con trasferimento del consumo d’acqua all’estero. Il consumo riaffiora sotto forma di «acqua virtuale» o di «prestito idrico» nei beni di importazione.

L’indicatore qui presentato riflette soltanto l’andamento del consumo d’acqua potabile in Svizzera.  Come si evince dall’indicatore «Prestito idrico», il consumo di acqua all’estero da parte della Svizzera, ovvero la quantità di acqua utilizzata per la produzione di prodotti agricoli e industriali da noi importati, non cessa di aumentare. Questa tendenza ha come conseguenza di aumentare la pressione sulle risorse idriche dei Paesi esportatori dove la disponibilità di acqua è delle volte molto limitata.

A livello nazionale, le risorse di acqua potabile disponibile superano largamente il nostro consumo medio. Per questa ragione lo stato dell’indicatore è positivo.  In casi eccezionali (p. es. lunghi periodi di siccità) possono tuttavia verificarsi a livello locale o regionale situazioni di penuria, che possono diventare più frequenti e intense a causa dei cambiamenti climatici. Occorre dunque provvedere a una buona pianificazione regionale della distribuzione d’acqua, per esempio garantendo un secondo allacciamento in caso di guasti o di siccità. Queste misure sono quindi più importanti poiché questo tipo di situazione potrebbe moltiplicarsi e intensificarsi nell’ambito dei cambiamenti climatici.

Raffronto internazionale

L’indicatore è difficilmente comparabile a livello internazionale. Esistono determinati dati dell’OCSE (Organisation de Coopération et de Développement Économiques) sul consumo di acqua, ma le definizioni e i metodi di valutazione utilizzati possono spesso cambiare di molto da un Paese all’altro.

Metodo

La rilevazione del consumo di acqua potabile da parte delle economie domestiche, dell’artigianato e dell’industria è eseguita dalla Società svizzera dell’industria del gas e delle acque (SSIGA). I dati di base provengono attualmente da circa 648 servizi pubblici di approvvigionamento idrico e sono poi estrapolati per calcolare l’approvvigionamento idrico pubblico complessivo della Svizzera.

I dati relativi all’autoapprovvigionamento delle economie domestiche, dell’artigianato. dell’industria e dell’agricoltura non sono  rilevati periodicamente: l’ultimo studio della SSIGA, svolto nel 2008, ha consentito di registrare in dettaglio i dati relativi all’autoapprovvigionamento dell’industria, differenziato per settori e per provenienza dell’acqua per il periodo 1970–2006. Uno studio effettuato dalla ditta Hunziker-Betatech (Bereinigung und Dokumentation Bericherstattung Eurostat/OECD, maggio 2015), basato in parte sul progetto ReKeWaNu, ha raccolto anche i dati concernenti l’autoapprovvigionamento. Per il momento non se ne prevede ancora alcuna raccolta periodica.

 
Ultimo aggiornamento: 20.04.2018

Ulteriori informazioni

Link

inidkatoren_hirun

Indicatori

Ricerca ed elenco di tutti gli indicatori

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/themen/thema-wasser/wasser--daten--indikatoren-und-karten/wasser--indikatoren/indikator-wasser.pt.html/aHR0cHM6Ly93d3cuaW5kaWthdG9yZW4uYWRtaW4uY2gvUHVibG/ljL0FlbURldGFpbD9pbmQ9V1MwMDMmbG5nPWl0JlN1Ymo9Tg==.html