Indicatore clima

Emissioni di gas serra

In Svizzera, gli effetti delle attività antropiche sul clima sono in larga misura dettate dalle quantità di diossido di carbonio emesse al fine di soddisfare le esigenze energetiche. Attualmente la principale fonte di emissioni di CO2 è il traffico stradale seguito dagli edifici e dall’industria. L’agricoltura è all’origine della maggior parte delle emissioni di protossido di azoto e di metano.

Valutazione dello stato
medio medio
Valutazione della tendenza
insoddisfacente insoddisfacente
Valori assoluti

Dati per il grafico: Excel
Fonte: Ufficio federale dell’ambiente: Inventario dei gas serra
Obiettivo 2020: 20 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2018: 13.5736104757827 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2017: 10.704087057989 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2016: 9.11766160964564 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2015: 9.69222126265072 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2014: 8.81751161260179 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2013: 1.47986169892755 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2012: 2.92443036372877 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2011: 5.5680099271687 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2010: -2.0914448872569 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2009: 0.965902142896567 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2008: -1.72273241575472 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2007: 0.817326143748417 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2006: -2.65992372612156 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2005: -3.38960424168373 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2004: -2.06309728228344 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2003: -0.964008772855593 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2002: 0.924250613420128 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2001: -1.95457299783061 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 2000: 0.855668045127501 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 1999: -0.242855658309864 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 1998: -0.66446423021813 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 1997: 2.21946472947039 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 1996: 0.0866680326548277 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 1995: 1.17534425171681 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 1994: 2.84645524956618 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 1993: 0.923437130563357 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 1992: -3.73958371899137 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 1991: -4.27469829919298 Riduzione delle emissioni di gas serra rispetto all'anno di riferimento 1990: -0.817276094982134

Dati per il grafico: Excel
Fonte: Ufficio federale dell’ambiente: Inventario dei gas serra
Commento

Per il 2020 sono stati fissati obiettivi percentuali di riduzione. Questi non si basano sul valore attuale delle emissioni del 1990, ma su quello stabilito nel secondo rapporto iniziale (anno di riferimento). Tra il 1990 (anno di riferimento) e il 2018 le emissioni di gas serra si sono ridotte del 14 per cento (le forti fluttuazioni annuali sono imputabili alle condizioni meteorologiche). All’obiettivo fissato nella legge sul CO2, ossia una riduzione del -20 per cento rispetto al 1990 (anno di referimento) entro il 2020, può essere computata la funzione di pozzo di carbonio del bosco, anche se si può partire dal principio che il suo contributo al raggiungimento dell’obiettivo non è sostanziale. L’obiettivo di riduzione potrebbe non essere raggiunto. La tendenza è pertanto giudicata insoddisfacente.

L’evoluzione non è stata uguale in tutti i settori. Nel 2018 il traffico ha contribuito in misura maggiore alle emissioni complessive, con una quota del 32 per cento che sta diminuendo solo leggermente da pochi anni e risultano ancora superiori dell’1 per cento rispetto al livello del 1990 (anno di riferimento). Nel 2018 le emissioni degli edifici si sono ridotte del 34 per cento e quelle dell’industria del 14 per cento rispetto al 1990 (anno di riferimento).

Nel 2020 il traffico non raggiungerà presumibilmente l’obiettivo indicativo fissato del -10 per cento. In condizioni meteorologiche normali, anche gli edifici mancheranno l’obiettivo indicativo pari al -40 per cento. Solo l’industria potrebbe raggiungere il suo obiettivo del -15 per cento. Anche per le emissioni rimanenti (agricoltura, gas di sintesi e rifiuti) l’obiettivo sarà con molta probabilità mancato.

La legge sul CO2 definisce diverse misure volte a ridurre le emissioni nei singoli settori, fra cui l’aumento della tassa sul CO2 sui combustibili combinata con un incremento dei contributi stanziati per il Programma Edifici, alcune prescrizioni sulle emissioni dei veicoli nuovi, il sistema di scambio di quote di emissioni per le industrie a forte consumo di energia e un obbligo di compensazione parziale delle emissioni per gli importatori di carburanti.

Raffronto internazionale

Le emissioni di gas serra di tutti i Paesi industrializzati vengono calcolate in base a indicazioni dettagliate nell’ambito della Convenzione quadro delle Nazioni unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) e del Protocollo di Kyoto. Dei gruppi di esperti verificano il rispetto delle disposizioni. Gli inventari dei gas serra della UNFCCC sono utilizzati da numerose organizzazioni internazionali quali ad esempio l’Agenzia europea per l’ambiente (AEA), l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) o la Commissione per uno sviluppo sostenibile (CSD).

Metodo

I dati provengono dall’inventario dei gas serra della Svizzera, stilato ogni anno dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) secondo le disposizioni della Convenzione quadro delle Nazioni unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC). l metodi sono documentati in modo esaustivo nel National Inventory Report e sono conformi ai manuali tecnici dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC). Questo indicatore mostra l’evoluzione delle emissioni di gas serra dal 1990 in milioni di tonnellate di CO2 equivalenti. A seconda del loro impatto sul clima, i diversi gas serra vengono classificati e convertiti in CO2 equivalenti. In caso di modifiche metodologiche o di messa a disposizione di nuovi dati, viene eseguito un nuovo calcolo dell’intera serie temporale dei dati dal 1990.

Per il calcolo dell’obiettivo per il 2020 viene utilizzato il valore di base per l’anno di riferimento 1990 inserito nel secondo rapporto iniziale (Second Initial Report) pari a 53,7 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti. Secondo le linee guida del Protocollo di Kyoto, nel secondo periodo d’impegno i pozzi di carbonio dell’economia forestale saranno computati all’obiettivo in base a un valore di riferimento (Forest Management Reference Level). Tale computo sarà effettuato nel 2022 nell’inventario dei gas serra alla conclusione del secondo periodo d’impegno del Protocollo. In base alle stime attuali si parte dal principio che i pozzi di carbonio computabili siano pari a poche centinaia di migliaia di tonnellate.

Base per la valutazione della tendenza

La valutazione si basa sulla tendenza lineare delle emissioni dal 2008 (anno di introduzione della tassa sul CO2) fino al 2018. Il 2008 sembra corrispondere all’inizio della flessione delle emissioni. Proiettando la tendenza osservata finora, nel 2020 le emissioni dovrebbero ammontare a 45 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti. L’obiettivo intermedio per il 2020 (43 mio. t CO2 eq) sarebbe quindi mancato.

 
Ultimo aggiornamento: 15.04.2020

Ulteriori informazioni

Link

inidkatoren_hirun

Indicatori

Ricerca ed elenco di tutti gli indicatori

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/themen/thema-klima/klima--daten--indikatoren-und-karten/klima--indikatoren/indikator-klima.pt.html/aHR0cHM6Ly93d3cuaW5kaWthdG9yZW4uYWRtaW4uY2gvUHVibG/ljL0FlbURldGFpbD9pbmQ9S0wwMTImbG5nPWl0JlN1Ymo9Tg==.html