OGM: il Consiglio federale vuole prorogare la moratoria e preparare la regolamentazione

Berna, 29.06.2016 - Il Consiglio federale ha deciso di mantenere il divieto di coltivare organismi geneticamente modificati (OGM). La moratoria vigente deve essere prorogata fino al 2021 a causa delle incertezze e dei dubbi che sussistono in particolare in merito alla coesistenza. Il Consiglio federale intende tuttavia elaborare una legislazione in nel caso di una migliore accettazione degli OGM da parte dei consumatori e di un interesse reale dell’agricoltura. Nel messaggio all’attenzione del Parlamento adottato oggi, il Consiglio federale propone di concentrare le coltivazioni di OGM in zone specifiche.

La moratoria vigente terminerà l’anno prossimo. Considerata tale scadenza, il Consiglio federale aveva posto in consultazione nel 2013 un progetto di legge e un progetto di ordinanza. La maggior parte degli interrogati si è detta contraria alle coltivazioni di OGM in Svizzera, almeno per il momento. La creazione di zone senza OGM era stata respinta in quanto non conforme al principio di causalità (cfr. il Rapporto sui risultati della consultazione allegato).

In tale contesto, nel dicembre 2015 il Consiglio federale si è pronunciato a favore della proroga della moratoria, mentre oggi ha approvato le opportune modifiche della legge sull’ingegneria genetica (LIG). Il Consiglio federale ritiene che la proroga della moratoria fino al 2021 consentirà di discutere in modo approfondito dell’utilizzo futuro degli OGM nell’agricoltura svizzera.

Modello di coesistenza impegnativo in vista del cambiamento della situazione

Lo sviluppo di varietà più idonee all’agricoltura svizzera e alle esigenze dei consumatori, rispettose delle risorse e garanti di un rendimento duraturo per i produttori potrebbe modificare l’attrattiva degli OGM per l’agricoltura. Questo è quanto si evince dal Rapporto sui costi e benefici degli OGM commissionato dal Parlamento al Consiglio federale e pubblicato oggi (cfr. allegato). Il Consiglio federale intende quindi proporre un quadro legale che consenta un’introduzione controllata di OGM nell’agricoltura garantendo al contempo una protezione elevata delle coltivazioni tradizionali e la libera scelta dei consumatori.

Creazione di «zone riservate alle coltivazioni di OGM»

Il Consiglio federale propone di autorizzare la coltivazione di OGM solo in «zone riservate alle coltivazioni di OGM». Le particelle coltivate con varietà di OGM sarebbero concentrate in zone riconosciute, soggette a un controllo rafforzato. Tali zone sarebbero definite su richiesta di agricoltori che intendono coltivare varietà di OGM su un terreno gestito in comune. Tale organizzazione permetterebbe di monitorare la separazione delle piante GM da quelle coltivate in modo tradizionale dal luogo di coltivazione lungo tutta la filiera di produzione e faciliterebbe la realizzazione di misure di coesistenza da parte dei produttori che potrebbero rifornire in comune una filiera di produzione specializzata e separata.

Il contenuto dell’ordinanza sarà definito in un secondo tempo.


Indirizzo cui rivolgere domande

Anne-Gabrielle Wust Saucy, capo della sezione Biotecnologiea, UFAM, tel. +41 58 46 383 44
Markus Hardegger, capo del settore Risorse genetiche e tecnologie, UFAG, tel. +41 58 464 98 51



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Segreteria generale DATEC
https://www.uvek.admin.ch/uvek/it/home.html

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

Ufficio federale dell'agricoltura
http://www.blw.admin.ch

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/biotecnologia/comunicati.msg-id-62442.html