Accordo concernente gli impianti di trattamento dei rifiuti

Detto accordo, sottoscritto nell'agosto 2014, mira a ridurre le emissioni generate dall'incenerimento dei rifiuti e a definire incentivi per un utilizzo più efficiente dell'energia negli impianti di trattamento dei rifiuti urbani (IIRU).

I 30 IIRU in funzione in Svizzera generano circa il 5 per cento delle emissioni complessive di gas serra a livello nazionale. Le emissioni provocate dall'incenerimento dei rifiuti sono tendenzialmente cresciute dal 1990 a causa soprattutto delle abitudini di consumo e della crescita demografica ed economica della Svizzera. Negli ultimi anni si sono tuttavia stabilizzate.

Nell’agosto 2014, il DATEC ha sottoscritto un accordo con l’Associazione svizzera dei dirigenti e gestori degli impianti di trattamento dei rifiuti (ASIR). Il settore della gestione dei rifiuti è stato in tal modo integrato nella politica climatica svizzera e dovrà da ora in poi fornire un contributo adeguato al conseguimento degli obiettivi di politica climatica in Svizzera. In contropartita, gli IIRU saranno esentati dal partecipare allo scambio delle quote di emissioni. L’accordo rimarrà in vigore fino a fine 2021.

Obiettivi di riduzione entro il 2020

L'accordo prevede entro il 2020 una riduzione delle cosiddette emissioni nette di CO2 derivanti dall'incenerimento dei rifiuti. Il calore generato dall'incenerimento dei rifiuti sarà utilizzato per la produzione di energia elettrica e per il riscaldamento e sostituirà elettricità e calore derivanti da combustibili fossili. Questa riduzione indiretta delle emissioni è quindi compresa negli obiettivi previsti, come pure la riduzione ottenuta grazie al recupero di metalli dai residui della combustione. Sono altresì computabili le riduzioni ottenute con il recupero di metalli dai residui dell’incenerimento. Le emissioni di CO2 nette devono scendere entro il 2020 rispetto al 2010 di 200 000 tonnellate di CO2 e la riduzione complessiva sull’intero periodo dal 2010 al 2020 deve essere pari a 1 milione di tonnellate di CO2.

Raggiungimento degli obiettivi tenendo conto della meteorologia

In qualità di rappresentante degli IIRU, l’ASIR monitora l'andamento delle emissioni e le misure di riduzione delle emissioni introdotte e pianificate. L’ASIR ha raggiunto entrambi gli obiettivi dell’accordo se, contrariamente all’accordo, viene presa in considerazione l’incidenza delle temperature invernali sulle forniture di calore come applicato anche nella statistica del CO2. Il rapporto di monitoraggio per il 2020 è pubblicato sul sito Internet dell’ASIR.

Sono in corso negoziati per prorogare gli accordi

Gli accordi settoriale per il periodo 2022–2031 devono essere rinnovati. I negoziati tra il DATEC e l’ASIR sono in corso. In caso di successo, gli IIRU non saranno tenuti fino a nuovo avviso a partecipare al sistema di scambio di quote di emissioni.

Vereinbarung (PDF, 290 kB, 21.01.2015)Accordo sugli obiettivi ASIR-DATEC (in tedesco)

Accordo (PDF, 70 kB, 21.12.2016)tra il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni e gli impianti di incenerimento dei rifiuti urbani (versione tradotta, non firmata)

Lista degli IIRU rappresentati dall’ASIR (PDF, 11 kB, 27.04.2015)Allegato riveduto I, in vigore a partire dal 27.4.2015

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 21.09.2021

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/clima/info-specialisti/misure-riduzione/accordi-settoriali/accordo-impianti-trattamento-rifiuti.html