Miscelazione e diluizione nonché deposito intermedio di rifiuti

Le aziende fornitrici non possono miscelare o diluire rifiuti speciali con altri rifiuti o sostanze. Deroghe sono ammesse solo in casi motivati e previo consenso dell’impresa di smaltimento o del servizio cantonale competente (art. 5 cpv. 1-3 OTRif).

Utilizzazione di additivi

Per ridurre i rischi connessi al trasporto, le aziende fornitrici possono aggiungere additivi ai rifiuti speciali, a condizione che lo smaltimento non sia reso più difficile. È necessario l'accordo dell'impresa di smaltimento.

Miscelazione e diluizione in caso di consegna regolare di rifiuti speciali

L'azienda fornitrice deve inoltrare una domanda scritta al servizio cantonale competente per chiedere l'autorizzazione a miscelare e diluire rifiuti speciali che vengono consegnati periodicamente. Nella domanda occorre indicare che

  • le quantità di rifiuti speciali sono ingenti e periodiche;
  • la miscelazione e la diluizione sono opportune per motivi aziendali;
  • la miscelazione e la diluizione non sono eseguite allo scopo di ridurre il tenore di sostanze nocive e, quindi, di eludere le prescrizioni concernenti la consegna, il trattamento o il deposito di rifiuti;
  • il carico ambientale non è superiore a quello di una consegna separata.

La miscelazione e la diluizione possono essere opportune nel caso di rifiuti simili. La miscelazione di solventi idonei permette, ad esempio, di utilizzare serbatoi per trasporto anziché fusti, semplificando così la logistica.

Raccolta differenziata di rifiuti speciali nei lavori di costruzione e di demolizione

Nell'esecuzione di lavori di costruzione e di demolizione, i rifiuti speciali non possono essere mischiati con altri rifiuti (art. 17 cpv. 1 OPSR). Vanno eseguiti gli esami necessari (ad es. analisi chimiche), qualora ciò sia indispensabile per la classificazione dei rifiuti, come quando si sospetta la presenza di componenti in acciaio con rivestimenti contenenti PCB, di materiali isolanti contenenti amianto o di siti contaminati.

Specialmente nella demolizione di impianti industriali, occorre fare attenzione alla presenza di eventuali fonti radioattive (ad es. in dispositivi per la misurazione radiometrica del livello di riempimento), le quali vanno smaltite separatamente in conformità alla legislazione sulla radioprotezione.

Ulteriori informazioni (non fanno parte del presente aiuto all'esecuzione):

Miscelazione e diluizione di altri rifiuti soggetti a controllo

Le aziende fornitrici non possono miscelare o diluire altri rifiuti soggetti a controllo per la consegna a imprese di smaltimento, se l'operazione serve a ridurre il tenore di sostanze nocive allo scopo di assoggettare i rifiuti a prescrizioni meno severe sulla consegna, sul riciclaggio o sul deposito (art. 9 OPSR).

Deposito intermedio di rifiuti

Prima di consegnarli a un'impresa di smaltimento, l'azienda fornitrice deve depositare in via provvisoria i rifiuti rispettando le prescrizioni specifiche e tenendo conto dello stato della tecnica. Esempi in tal senso sono costituiti dal deposito coperto di rifiuti e dall'impiego di bacini di ritenzione per evitare fughe di liquidi secondo quanto prescritto dalla normativa per la protezione delle acque.

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 22.03.2018

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/rifiuti/info-specialisti/politica-dei-rifiuti-e-provvedimenti/aiuto-all_esecuzione-sul-traffico-di-rifiuti-speciali-e-di-altri/obblighi-dei-detentori-per-la-consegna-dei-rifiuti/obblighi-delle-aziende-fornitrici/miscelazione-e-diluizione-nonche-deposito-intermedio-di-rifiuti.html