Affrontare i pericoli naturali - Punto della situazione

Significative modifiche sono state apportate negli ultimi anni al modo in cui vengono affrontati i pericoli naturali. Queste modifiche sono state illustrate al Consiglio Federale nel "Rapporto sullo stato dell'applicazione della gestione integrale dei rischi dei pericoli naturali". Tra i principali progressi degli ultimi quattro anni vi è la carta del ruscellamento superficiale, che colma un'importante lacuna nei dati di base. La Confederazione sostiene i Cantoni e i Comuni nel gestire gli eventi e nel rigenerarsi, non solo finanziariamente, ma ora anche con una guida alla preparazione di piani d'emergenza in caso di eventi naturali come le piene.

Hochwasser Tessin August 2020

Pericoli naturali in Svizzera - sintesi

BUNG_Cover_fuerWeb_I

Rapporto sullo stato dell’applicazione della gestione integrale dei rischi dei pericoli naturali, 2020.
Sintesi del rapporto presentato al Consiglio federale.


In un'ampia valutazione della situazione attuale della gestione dei pericoli naturali, nel 2016 sono state proposte oltre sessanta misure per migliorare la protezione contro i pericoli naturali che sono in seguito state approvate dal Consiglio Federale.

Stato attuale

Nel dicembre 2020 l'UFAM ha riferito per la prima volta al Consiglio federale sullo stato di attuazione di queste misure. Il bilancio è positivo: negli ultimi quattro anni una vasta gamma di attori ha lanciato numerosi progetti, alcuni dei quali sono già stati completati con successo. L'attuale stato di realizzazione è del 25 per cento. Il rapporto descrive soprattutto tutte le misure che hanno fatto progressi nella loro applicazione. Le misure riguardano cinque campi d'azione.

Nel campo d'azione "Dati di base sui pericoli ed i rischi", la maggior parte dei progetti sono stati avviati negli ultimi tre anni. Le misure più importanti da attuare in questo caso comprendono l'integrazione e l'aggiornamento periodico dei dati di base dei pericoli e l'elaborazione delle panoramiche cantonali e nazionale dei rischi. Tra i progetti già conclusi con successo figurano la carta dei pericoli a livello nazionale per il ruscellamento superficiale e la metodologia per i Cantoni per l'elaborazione di una panoramica dei rischi.

Nel campo d'azione "Preparazione", un passo importante è garantire che la pianificazione tenga conto non solo del pericolo ma anche del rischio. Questo vale sia per la pianificazione delle misure che per la pianificazione del territorio. In alcuni casi, ciò richiede adeguamenti giuridici. È adesso disponibile una nuova guida per la pianificazione d'intervento durante un evento.

Sono in corso numerose attività, da parte della SIA e delle compagnie di assicurazione, nel settore edilizio in linea con i pericoli naturali. È stata pubblicata la nuova norma SIA 261/1 per la considerazione dei pericoli naturali.

Nel campo d'azione "Gestione dell'evento e rigenerazione" sono necessarie misure di miglioramento in relazione alla gestione delle piene e al coordinamento dei fondi federali messi a disposizione in via sussidiaria in caso di eventi disastrosi. Nella gestione delle inondazioni, l'attenzione si concentra principalmente sulla regolazione dei laghi basata sul rischio e sul miglioramento delle previsioni idrologiche.

Nel campo d'azione "Comunicazione del rischio, educazione e ricerca", occorre promuovere la conoscenza della gestione dei pericoli naturali basata sul rischio e la consapevolezza del rischio. Questo riguarda tutti gli interessati e le persone coinvolte. A tal fine, l'informazione e la formazione per la prevenzione e la gestione dei pericoli naturali sono costantemente ottimizzate. Una misura per colmare le lacune della ricerca nel campo dei rischi meteorologici e climatici è già stata attuata con successo con la creazione di una cattedra corrispondente al Politecnico di Zurigo.

Nel campo d'azione "Pianificazione a livello superiore e collaborazione" si stanno attuando misure per garantire un'applicazione efficace, efficiente e coordinata della gestione integrale dei rischi. In concreto, si tratta di misure di pianificazione globale a livello superiore, cantonale e nazionale, che individuano la necessità di intervenire sulla base dei dati di base dei rischi e di una panoramica dei rischi. Attualmente sono in fase di elaborazione degli standard minimi per l'elaborazione dei piani globali cantonali. 

Sguardo al futuro

L'attuazione di varie misure richiede un adeguamento giuridico. Questo adattamento è una revisione parziale della legge federale sulla sistemazione dei corsi d’acqua con adeguamenti della legge sulle foreste e della legge sulla protezione delle acque. Dal punto di vista dei contenuti, si tratta di ancorare la gestione integrale dei rischi nella legge, di eliminare i falsi incentivi promuovendo gli stessi tipi di misure e di obbligare i Cantoni a elaborare una panoramica dei rischi e una pianificazione globale. Il processo di consultazione si svolgerà nell'anno 2021.

Il prossimo rapporto sullo stato di attuazione delle misure per la gestione integrale dei rischi naturali è previsto per il 2025.

Ulteriori informazioni

Documenti

La Provincia die Como (PDF, 2 MB, 26.08.2021)Supplemento speciale sulle inondazioni di luglio sul lato sud delle Alpi

Contatto
Ultima modifica 11.03.2021

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/pericoli-naturali/info-specialisti/gestione-integrale-dei-rischi/punto-della-situazione.html