Finanziamento dei rifiuti urbani (LPAmb)

Foglio della contabilità di esercizio e set di indicatori

In concomitanza con la pubblicazione dell’aiuto all’esecuzione «Finanziamento dello smaltimento dei rifiuti urbani» l’Ufficio federale dell’ambiente mette a disposizione un modello di foglio della contabilità di esercizio. Detto modello è un ausilio per determinare gli indicatori standard finanziari e quelli riferiti a prestazioni (set di indicatori). 

Finanziamento dello smaltimento dei rifiuti urbani

uv-1827-f

Aiuto all’esecuzione per il finanziamento dello maltimento dei rifiuti urbani secondo il principio di causalità. 2018

L’UFAM ha elaborato per i Comuni un modello di foglio della contabilità di esercizio che può essere facilmente adattato alle specifiche esigenze di un Comune. L’uso di questo strumento è facoltativo.

Scopo del modello è permettere di registrare, elaborare e comparare i costi e le prestazioni del settore della gestione comunale dei rifiuti nel modo più appropriato e armonizzato possibile. In collaborazione con l’Unione delle città svizzera / Infrastrutture comunali (UCS/IC), i servizi tecnici dei Cantoni e dei Comuni, nonché numerosi esperti e d’intesa con la Conferenza dei capi dei servizi per la protezione dell’ambiente della Svizzera (CCA) è stato definito un set di indicatori che può essere rilevato in modo attendibile con l’ausilio di detto modello di foglio della contabilità. Il set di indicatori si compone di indicatori finanziari e di indicatori riferiti a prestazioni.

Il modello di foglio della contabilità viene messo a disposizione secondo il modello di presentazione dei conti armonizzato 2 (MPCA2) e secondo il modello di presentazione dei conti armonizzato 1 (MPCA1), corredato di valori ipotetici per un Comune tipo di 5000 abitanti. L’uso di questo strumento è facoltativo e può essere facilmente adattato alle specifiche esigenze di un Comune.



Struttura formale del foglio della contabilità di esercizio  


Il foglio della contabilità di esercizio si basa generalmente su una contabilizzazione su tre livelli che comprende i tipi di costi, i centri di costo e le unità di costo. Per quanto concerne i tipi di costi, si tratta di spese e ricavi ripresi dalla contabilità finanziaria. I centri di costo corrispondono alle diverse frazioni di rifiuti che il Comune provvede a smaltire. Tutti i costi attribuibili direttamente ed esclusivamente a un centro di costo (ad es. rifiuti solidi urbani, rifiuti vegetali, carta ecc.) devono essere registrati separatamente. I costi non direttamente ed esclusivamente attribuibili a una frazione di rifiuti devono essere assegnati ai cosiddetti centri di costo ausiliari (ad es. costi di gestione o costi della manutenzione dei punti di raccolta). Grazie alle unità di costo (ad es. tasse sui rifiuti solidi urbani o tasse base), i diversi ricavi delle tasse possono essere attribuiti ai costi che devono essere coperti (ad es. rifiuti solidi urbani). In questo modo è possibile verificare, ad esempio, se i proventi delle tasse sui rifiuti solidi urbani coprono i costi di smaltimento di questo tipo di rifiuti.

Note esplicative sul modello di foglio della contabilità di esercizio

Nel modello di foglio della contabilità di esercizio occorre riportare i dati necessari ricavati dalla contabilità finanziaria e dalla statistica della quantità dei rifiuti di un Comune o di un consorzio intercomunale. Per ogni frazione di rifiuti occorre registrare separatamente i costi della logistica (raccolta e trasporto) e della valorizzazione. La valorizzazione comprende i costi del trattamento dei rifiuti (ad es. incenerimento, fermentazione), nonché eventuali proventi della vendita di materiali riutilizzabili ed eventuali indennità della tassa di smaltimento anticipata (TSA) o dei contributi di riciclaggio anticipati (CRA). I costi che non possono essere assegnati a nessuna frazione di rifiuti sono attribuiti in generale ai costi di gestione o ai costi di manutenzione dei punti di raccolta. Occorre inoltre registrare le prestazioni che possono essere attribuite a una frazione di rifiuti (ad es. quantità di rifiuti raccolta, numero delle raccolte porta a porta, numero dei punti di raccolta decentrali).

Set di indicatori

Gli indicatori finanziari del set standard comprendono sostanzialmente le specifiche grandezze di costo fr./t e fr./ab. per frazione di rifiuti. Gli indicatori riferiti a prestazioni sono in relazione all’offerta di prestazioni, alla sua efficienza e al suo raggiungimento degli obiettivi. Comprendono tra l’altro l’offerta di raccolte, la quantità raccolta per tipo di frazione di rifiuti all’anno e per abitante all’anno, il numero di abitanti per punto di raccolta e il numero di raccolte all’anno e per frazione di rifiuti. Il set di indicatori è incentrato sulle frazioni di rifiuti della gestione comunale dei rifiuti rilevanti sotto il profilo delle quantità e dei costi (ad es. rifiuti solidi urbani, rifiuti vegetali, carta, vetro ecc.). È stato concepito volutamente in questo modo per consentire, in linea di principio, a ciascun Comune svizzero di rilevare in modo più agevole gli indicatori definiti. Pertanto, nel modello di foglio della contabilità di esercizio devono essere indicati solo i costi delle frazioni di rifiuti rilevanti per logistica e valorizzazione. I costi dello smaltimento delle restanti frazioni di rifiuti (ad es. tessili, oli esausti, pile, bottiglie in PET per bevande ecc.) sono raggruppati sotto il centro di costo «Altri rifiuti urbani» e non figurano quindi singolarmente.

Comparabilità degli indicatori

Per effettuare comparazioni con altri Comuni, si utilizzano principalmente i valori «per abitante» o «per tonnellata». Tuttavia, occorre tenere presente che il raffronto va sempre effettuato con tipi analoghi di Comuni (ad es. Comuni a carattere urbano, Comuni turistici, Comuni rurali) così da aumentare l’attendibilità dei dati e la comparabilità degli indicatori. A tale scopo si richiede di indicare nel modello di foglio della contabilità di esercizio il tipo di Comune secondo la classificazione in nove tipi di Comune elaborata dall’Ufficio federale di statistica (UST). La ripartizione di tutti i Comuni svizzeri per tipologia di Comune è pubblicata sul sito Internet dell’UST. Infine, occorre tenere presente che in alcuni Comuni la quota di rifiuti dell’artigianato, dell’industria e del settore terziario rilevata nel quadro della raccolta pubblica può variare notevolmente e che la quantità di rifiuti è anche influenzata in modo considerevole dal numero di posti di lavoro o di turisti.

Tipologia dei Comuni 2012 dell’Ufficio federale di statistica (9 categorie)

L’Ufficio federale di statistica (UST) suddivide i Comuni della Svizzera nelle seguenti nove categorie: 

11    Comune urbano di un grande agglomerato
12    Comune urbano di un agglomerato medio
13    Comune urbano di un piccolo/fuori agglomerato
21    Comune periurbano di elevata densità
22    Comune periurbano di media densità
23    Comune periurbano di bassa densità
31    Comune di un centro rurale
32    Comune rurale in situazione centrale
33    Comune rurale periferico

La ripartizione secondo la tipologia dei Comuni 2012 (9 categorie) può ora essere consultata ed esportata con l'applicazione destinata ai Comuni svizzeri sul sito dell'UST:

L'UST pubblica inoltre ogni anno una tabella Excel con i livelli geografici in Svizzera. La tipologia dei Comuni 2012 (9 categorie) si trova nella colonna M di detto documento Excel: 

Altre informazioni sono riportate sul sito dell’UST: (disponibile solo in francese e tedesco)

Contatto
Ultima modifica 17.01.2019

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/rifiuti/info-specialisti/politica-dei-rifiuti-e-provvedimenti/finanzierung-siedlungsabfaelle-usg.html