Falena siberiana – Dendrolimus sibiricus

La falena siberiana è un organismo nocivo particolarmente pericoloso. Dal 1° gennaio 2020 è considerato un organismo da quarantena prioritario secondo la nuova ordinanza del DEFR e del DATEC sulla salute dei vegetali (OSalV–DEFR–DATEC) e deve quindi essere notificato e combattuto. La falena siberiana è originaria del Kazakistan, della Mongolia, della Corea del Nord, della Cina nord-orientale e della parte asiatica della Russia, e infesta varie specie di conifere. La sua presenza non è ancora stata rilevata né in Svizzera né in Europa.

La falena siberiana costituisce un potenziale pericolo per il bosco svizzero poiché ha una vasta gamma di ospiti. In caso di propagazione di massa, può provocare l’indebolimento di interi alberi e foreste, il che può provocarne la morte. In particolare, i boschi di larici e pini nelle Alpi centrali potrebbero essere un biotopo minacciato poiché qui il clima è simile a quello delle zone d’origine e vi vivono le specie ospite predilette dalla falena siberiana.

Caratteristiche della falena siberiana

  • Il colore varia dal giallo-marrone al grigio chiaro e dal marrone scuro fino quasi al nero
  • Ali anteriori con due caratteristiche strisce scure e una macchia bianca al centro
  • Lunghezza: 30-40 millimetri, apertura alare: 60-80 millimetri
  • Ciclo di vita triennale in Russia, vola tra luglio e agosto

Specie interessate

  • Larice
  • Pino cembro
  • Abete di Douglas
  • Altre conifere

Possibilità di confusione con altre specie

La specie è molto simile al bombice del pino (Dendrolimus pini).

Vie d’importazione e situazione d’infestazione da falena siberiana in Svizzera

La sua presenza non è ancora stata rilevata né in Svizzera né in Europa. Uova, bruchi e pupe potrebbero essere trasportati tramite alberi vivi o legno con corteccia. Per evitare questa situazione, alcune cosiddette «merci a rischio» che provengono da Paesi in cui il parassita è presente sono soggette a disposizioni speciali quando vengono importati nell’Unione europea e in Svizzera. Per esempio, ci sono divieti di importazione per determinate specie di alberi o prodotti di legno, o specifiche condizioni di importazione, come la scortecciatura del legno.

Come per gli altri organismi da quarantena prioritari, la Svizzera, come tutti gli Stati membri dell’UE, si è impegnata a monitorare attivamente il proprio territorio (p. es. utilizzando trappole per insetti nei siti a rischio) per individuare le infestazioni il più presto possibile.

Informazioni supplementari

Contatto
Ultima modifica 31.01.2022

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/bosco/info-specialisti/pressioni-sul-bosco-svizzero/organismi-nocivi-pericolosi-per-il-bosco/sibirischer-seidenspinner---dendrolimus-sibiricus.html