Organismi nocivi pericolosi per il bosco

In seguito ai cambiamenti climatici e al continuo aumento dei flussi internazionali di merci e di persone, un numero crescente di specie raggiunge nuovi habitat lontani dalle proprie regioni di origine e vi si insedia, rappresentando talvolta un serio pericolo per l’ambiente, l’economia e la salute umana. Data la sua posizione geografica e le molteplici relazioni commerciali internazionali, la Svizzera è particolarmente esposta e sollecitata. Organismi nocivi al bosco sono spesso trasportati assieme a materiale vegetale o imballaggi di legno e si manifestano nel bosco solo in un secondo tempo.

Tra gli organismi potenzialmente nocivi per il bosco figurano insetti, nematodi, fitoplasmi, batteri, funghi, virus e viroidi, che possono minacciare alberi e arbusti forestali all'interno e all'esterno dei boschi.

Organismi nocivi particolarmente pericolosi

A seconda del grado di diffusione e delle possibilità di lotta si distinguono organismi nocivi pericolosi e organismi nocivi particolarmente pericolosi (o organismi di quarantena). Si tratta di organismi esotici che presentano un elevato potenziale di danno e non si riscontrano in Svizzera o solo localmente. Per questo motivo le autorità hanno emanato misure di protezione contro l'introduzione e la diffusione di questi organismi (misure di quarantena). Anche gli altri Paesi europei hanno emanato misure analoghe per proteggersi da questi organismi nocivi temuti. Quando riscontrata, la loro presenza deve essere notificata alle autorità fitosanitarie e combattuta. Gli organismi nocivi particolarmente pericolosi in Svizzera sono elencati negli allegati dell'ordinanza sulla protezione dei vegetali (OPV). Gli adeguamenti dell'elenco sono coordinati su scala europea. L'OPV menziona anche le misure di protezione contro gli organismi nocivi particolarmente pericolosi. Per singoli organismi vi sono ulteriori precisazioni nell’ordinanza dell’UFAM concernente le misure fitosanitarie per le foreste (OMF-UFAM) e nell’aiuto all’esecuzione Protezione del bosco pubblicato dall’UFAM.

Esempi di organismi nocivi particolarmente pericolosi:

Bloccare l'introduzione e la diffusione

Per proteggere il bosco svizzero dagli effetti negativi degli organismi nocivi particolarmente pericolosi occorre impedirne l'introduzione e la diffusione. Questo obiettivo va perseguito mediante una prevenzione mirata e la lotta sistematica contro qualsiasi focolaio. In Svizzera, la responsabilità per le misure ufficiali di sorveglianza e di lotta contro gli organismi nocivi particolarmente pericolosi spetta al Servizio fitosanitario federale (SFF), che opera in stretta collaborazione con i Cantoni. Per armarsi meglio contro i pericoli biotici attuali e futuri per il bosco sull'intero territorio svizzero sono elaborate strategie di lotta contro organismi nocivi particolarmente pericolosi selezionati.

Aiuto all’esecuzione Protezione del bosco

Aiuto Protezione del Bosco

Aiuto all’esecuzione Protezione del bosco. 2018

Organismi nocivi pericolosi

Oltre agli organismi di quarantena vi sono molto altri organismi nocivi che possono minacciare il bosco. Si tratta di specie autoctone ed esotiche così diffuse che un'eradicazione è ormai diventata impossibile. Per questi cosiddetti organismi nocivi pericolosi, non sempre le autorità emanano prescrizioni, ma formulano, se necessario, raccomandazioni per limitare i danni. Esempi di organismi nocivi pericolosi sono il bostrico, il Chalara fraxinea, l'ailanto o il cinipide galligeno del castagno.

Esempi di organismi nocivi pericolosi:

Informazioni generali su insetti, nematodi, fitoplasmi, batteri, funghi, virus e viroidi che possono minacciare il bosco sono disponibili nella banca dati del Servizio fitosanitario per il bosco svizzero.

Informazioni sulle piante che possono minacciare il bosco sono disponibili presso Infoflora.

Prioritizzazione degli organismi nocivi pericolosi per il bosco

A inizio 2016, la divisione Foreste dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) e il Comitato direttivo della Conferenza degli ispettori cantonali delle foreste hanno incaricato un gruppo di lavoro composto da rappresentanti della Confederazione e dei Cantoni di determinare le specie nocive per il bosco prioritarie, ponendo l’accento sui danni al bosco. L’obiettivo era elaborare una o più liste di organismi nocivi per il bosco prioritari come pure definire criteri che consentano di determinare l’entità dei danni. I risultati, elaborati e approvati di comune accordo in occasione di un workshop, sono illustrati in modo trasparente affinché il progetto possa essere ripetuto e tengono conto anche di eventuali peculiarità cantonali o regionali.

La definizione delle specie prioritàrie è un nuovo strumento di Confederazione e Cantoni che contribuisce a livello strategico a pianificare le risorse finanziarie e di personale, ma anche a livello operativo a facilitare l’impiego dei fondi destinati alla gestione dei rischi biotici per il bosco (p. es. nell’ambito degli accordi programmatici). Le raccomandazioni contenute nell’annesso verranno consolidate nell’ambito di ulteriori revisioni.

Ulteriori informazioni

Contatto
Ultima modifica 19.10.2018

Inizio pagina

https://www.bafu.admin.ch/content/bafu/it/home/temi/bosco/info-specialisti/pressioni-sul-bosco-svizzero/organismi-nocivi-pericolosi-per-il-bosco.html